Insegnamento delle religioni

L’avvicinarsi delle prossime elezioni regionali richiede a tutt* un atto sia di maturità che di responsabilità che suggerisca la partecipazione attiva al voto. L’astensione cronica come protesta non ha senso per chi è legato ai principi della libertà e dell’eguaglianza, della legalità e della democrazia formale e sostanziale. Gli amici dei potenti troveranno in ogni caso chi farà pesare il “loro” voto. E la protesta nella diserzione della cabina elettorale sparirà dopo pochi giorni dalle elezioni, da tutte le prime pagine dei giornali; rimarranno invece le scelte di chi ci governerà!

Certo, quasi mai ci troviamo di fronte a candidature di elevato livello sociale e culturale del centrodestra come avviene nella regione Lazio. La candidata Polverini merita non solo il rispetto e la stima personale ma – per chi lo ritiene utile contro il liberismo – anche il voto. Altrove le scelte devono tenere conto della legge elettorale e dell’attuale rapporto di forze, tentando di liberarci da questa ubriacatura collettiva che è il frutto del potere esercitato in Italia dal Premier. Riteniamo utile indicare Italia dei valori come attuale preferenza di partito. E’ stato oggettivamente capace di fare opposizione in questi mesi e ha le potenzialità per essere forza non subalterna al partito democratico, che pensa erroneamente di rappresentare in qualche modo ciò che resta della cultura della solidarietà. Io ricordo invece la loro battaglia in favore della proprietà di Sky o contro il matrimonio dei gay.

L’Italia ha tanto bisogno di onestà e di democrazia, in primis, ma anche attenzione al mondo del lavoro: molti dei miei amici  sono ormai senza lavoro o precari cronici come a me.  Spariscono anche dai contatti personali con la mancanza di politiche industriali e di sviluppo, con le agitazioni lollarde contro le rotaie o qualsiasi cosa che si chiami progresso tecnologico. Oggi hanno perfino paura di esplicitare il loro nuovo status.

Scegliete dunque donne e uomini che Vi tutelino anche come lavoratrici e lavoratori, perché questo siamo o vorremmo essere. Prima ancora di essere riconosciuti come discepole e discepoli.

Buon voto cittadine e cittadini!

Maurizio Benazzi


——————————————————————————–

Se avete voglia di leggere  un file di word con tante riflessioni e appunti richiedetelo in redazione.

Buona serata di domenica

Giovanna Corchia

.

“Tutti sanno in cuor loro quanto sia vano cercare di riempire quel che non si può trattenere: non è possibile raccogliere l’acqua versandola in un setaccio. Si può vivere in pienezza il presente solo se lo si accetta come un passaggio. Di contro, la sfida disperata del carpe diem sta nello sforzo di vivere il presente come un tutto perennemente insidiato dalla precarietà. (…) Chiedere al Signore di insegnarci a contare i nostri giorni per avere un cuore saggio (Sal 90,12) equivale a domandargli di essere in grado di compiere un’imitatio Dei.” –

Piero Stefani Articolo in Il Regno-Attualità, 15-12-2008

http://www.facebook.com/l/e1f85;www.ilregno.it/php/view_pdf.php?md5=82f51de6aaff44904509bb2f90e9f548

«Signore, insegnaci a contar i giorni della nostra vita, per raggiungere la pienezza del cuore.» [Salmo 90,12] – Da Giordano Censi

.

Sono aperte le iscrizioni al Convegno di maggio della 31 ottobre

Associazione 31 Ottobre per una scuola laica e pluralista

PER UN INSEGNAMENTO CURRICOLARE DELLE RELIGIONI

Convegno nazionale

15 maggio 2010

Roma – Chiesa metodista – via XX Settembre, ang. via Firenze

ore 15,30

Apertura dei lavori

Nicola Pantaleo – Presidente dell’Associazione 31 Ottobre

“Toledo chiama Roma. Per una cultura religiosa secondo la Costituzione”

Flavio Pajer – docente di pedagogia e didattica delle religioni – Pontificia Università Salesiana di Roma

“Religione a scuola: dal corridoio all’aula scolastica”

Ermanno Genre – docente di teologia pratica – Facoltà Valdese di Teologia di Roma

“Insegnare il pluralismo religioso. La storia delle religioni a scuola e Università”

Maria Chiara Giorda – ricercatrice in storia del cristianesimo e delle religioni – Università di Torino

ore 18,00

Dibattito e conclusioni

La sede del Convegno si trova nei pressi della stazione Termini (MM Repubblica).

Per informazioni, pastore Eric Noffke, tel. 06.4814811.

Chi avesse necessità di pernottamento può rivolgersi alla Foresteria dell’Esercito della Salvezza, via degli Apuli, 40 (dir. Emanuele Pavoni, 06.44.51.351 / 44.67.482, foresteriaroma@esercitodellasalvezza.org ) nei pressi della sede del Convegno.

Associazione 31 Ottobre

per una scuola laica e pluralista promossa dagli evangelici italiani

sede legale: Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, v. Firenze 38 00184 Roma

www.associazione31ottobre.it  – info@associazione31ottobre.it

la partecipazione è libera e gratuita

Commenti disabilitati su Insegnamento delle religioni

Archiviato in Dialogo inter religioso

I commenti sono chiusi.