Il grande Tolstoj a Milano !

Da anni Ecumenici (fabbricata rigorosamente a Milano) ha scelto per la pagina iniziale della newsletter sul portale su Yahoo una frase del figlio Tolstoj: come dunque non partecipare all’iniziativa di Daniele Gallo, persona illuminata del cattolicesimo milanese?

Alziamo tutti i tacchi e prendiamo il metrò fino a San Babila… Ne vale la pena!

Tutti i giovani educati secondo la teoria della Chiesa cosiddetta cristiana si recano ogni anno, a scadenze fisse, negli uffici circoscrizionali, e sotto la guida dei preti, rinunciano a Gesù. Gesù ha detto: prendi la tua croce e seguimi: nessuno si muove. Ma un uomo in divisa viene a dire “Prendi la tua carabina e cammina verso morte certa, accompagnato da sofferenze inaudite” e tutti accorrono. Anziché gli odi nazionalisti che ci vengono instillati sotto la bandiera del patriottismo, ai figli bisogna insegnare il disgusto e il disprezzo per le carriere militari, diplomatiche e politiche che servono a dividere gli uomini; bisogna insegnar loro a considerare come un segno di barbarie la divisione degli uomini in Stati politici, la diversità delle leggi e l’esistenza delle frontiere; che massacrare senza il benché minimo motivo gli stranieri che non conosciamo è il più orribile misfatto di cui è capace l’uomo piombato nell’ultimo gradino della bestialità.

(L. Tolstoy – figlio – Léon Tolsotj vu par son fils, Editions de la Nouvelle, Revue Critique, Paris, 1931, p. 60 – http://it.groups.yahoo.com/group/newsletter_ecumenici/ ) 

 

 

 

martedì 11 maggio 2010 ore 18,30

Auditorium San Carlo – Sala Verde

corso Matteotti 14 – Milano

In celebrazione del centenario della morte del grande scrittore russo

sarà presentato il libro

 

Tolstoj e il rifiuto della violenza

di Bruno Milone

Sarà presente l’Autore

che dialogherà

con il professor Fulvio Manara

docente all’Università di Bergamo e referente della Comunità di ricerca Raimon Panikkar

«Una tale coscienza religiosa, che esclude l’eventualità della violenza, potrebbe essere assimilata e felicemente riconosciuta non soltanto dai cristiani, ma da tutta l’umanità del nostro tempo se, da un lato, non esistesse la superstizione di una falsa religione e, dall’altro, quella ancora più dannosa di una falsa scienza.» (Lev Nicolaevic Tolstoj)

L’opera

Per comprendere il rapporto tra Tolstoj e il tema della violenza è opportuno tracciare brevemente il percorso filosofico-religioso dello scrittore russo a partire dai primi anni settanta dell’Ottocento. Il rifiuto della violenza emerge in quanto conseguenza di premesse più vaste, da cui discendono un insieme di scelte etiche che riguardano nell’ordine: il rifiuto della pena di morte, l’antimilitarismo e il pacifismo, l’abolizionismo penale.

Il presupposto da cui parte Tolstoj è la (ri)scoperta del Cristianesimo che, in una forma radicale e universale, professerà in seguito per tutta la vita e che diviene la base per un dialogo tra le fedi.

L’autore

Bruno Milone insegna Filosofia e Storia in un liceo milanese. I suoi interessi sono prevalentemente nel campo dell’Etica, del Dialogo tra le culture e dei Diritti Umani. Ha svolto attività culturale e formativa con gli immigrati in associazioni e centri studi interculturali. È stato membro del Comitato etico dell’ANMCO. Scrive regolarmente per il mensile Viator e coordina la rivista In/Oltre (Ed. Jaca Book).

Presentazione

L’opera sarà presentata martedì 11 maggio alle ore 18 presso la Sala Verde dell’Auditorium san Carlo, a Milano, corso Matteotti, 14 e sarà introdotta dal professore Fulvio Manara, docente all’Università di Bergamo e referente della Comunità di ricerca Raimon Panikkar.

Gruppo Editoriale Viator srl – C.so Indipendenza, 14 – 20129 Milano

tel. 02.89695983 – fax 02.75281743 – info@viator.it

Commenti disabilitati su Il grande Tolstoj a Milano !

Archiviato in Uncategorized

I commenti sono chiusi.