“Attenzione ai sintomi di pace interiore !”

Questo è il titolo di uno scherzoso testo che leggiamo su The Friend del 9 dicembre 1994 (ma viene dal bollettino della parrocchia di St Michael on the Mount, attraverso la newsletter del meeting di Redland).

  1. Tendenza a pensare e agire spontaneamente, piuttosto che sulla base di paure che vengono da passate esperienze.
  2. Caratteristica capacità di godere di ogni momento.
  3. Perdita di interesse a giudicare gli altri.
  4. Perdita di interesse ad interpretare le azioni altrui.
  5. Perdita di interesse al conflitto.
  6. Perdita di capacità di preoccuparsi (sintomo grave).
  7. Frequenti incontrollabili episodi di apprezzamento.
  8. Sentimenti appaganti di connessione con gli altri e con la natura.
  9. Frequenti accessi di sorriso.
  10. Crescente inclinazione a lasciare che le cose accadano, piuttosto che farle accadere
  11. Crescente tendenza all’amore anche per gli altri e bisogno incontrollabile di ricambiare.

 

Nell’attesa che la nostra attività di Ecumenici-Ragaz riprenda, dopo che sarà a regime la mia nuova attività collaborativa che richiede impegni temporali al di là dell’ordinario, sono consapevole che l’unica garanzia per la sopravvivenza di questa lettera è l’autofinanziamento. Il mio lavoro in primis.

Chi desidera può fare una donazione, seguendo le modalità indicate dal sito. Siamo certi di aver operato alla ricerca della Luce. Purtroppo le contese teologiche sono state aspre in questi ultimi tempi ma non potevamo proprio fare diversamente. Torre Pellice o Roma non sono città che ricordano agli uomini che siamo tutti fratelli e sorelle. Qui per la sola differenza di orientamento sessuale siamo chiamati a smascherare certi documenti che istituzionalizzano il peccato e la discriminazione nella teologia cristiana, sia essa di un Sinodo protestante o di un Papa. Inaccettabili il pensiero dell’Arcigay impegnata forse a difendere piu’ le sue riserve di dark room che l’analisi teologica. A loro interessano del resto le loro entrate dai locali dei “giri”e le solite e sterili polemiche contro Roma, per coprire in realtà una loro povertà spirituale. Speriamo solo che con gli amici cattolici non abbiamo mai superato il confine dell’accettazione fraterna. Non sarebbe perdonabile e ce ne scusiamo fin da ora.

Buona ripresa del lavoro a tutt* e speriamo a presto.

Maurizio Benazzi

Posta in breve

 

Gentile dottor benazzi,

sono roberto corradino

e sono iscritto alla newsletter da un paio d’anni.

a parte il ringraziamento spassionato per la resistenza,  la perseveranza la caparbietà incrollabile che la animano – in una parola la sua fede –  e la possibilità per me assolutamente inusuale in italia di poter leggere di cose e su cose di cui altrimenti non saprei meno di niente – quindi grazie di nuovo – le scrivo perchè vorrei sottoscrivere la donazione dell’ 8 x 1000 a favore di ecumenici.

è possibile?

grazie

roberto corradino

.

La ringrazio sig. Corradino,

ma viviamo esclusivamente delle libere donazioni dei nostri lettori e non dell’otto per mille dello Stato. Lasciamo a Cesare ciò che e’ di Cesare.

La ringrazio per le sue belle parole qui usate.

Molto gentile.

Di nuovo.

PS: fa tanto piacere avere un soldato che legge un foglio Quacchero. Mi creda… E’ forse un piccolo segno che Dio ci ha concesso.

2 commenti

Archiviato in Etica

2 risposte a ““Attenzione ai sintomi di pace interiore !”

  1. Paolo Sizzi

    Basta feccia cristiana.
    Europa ariana pagana libera

    "Mi piace"

  2. Lo abbiamo diffuso questo commento anche in Facebook…

    "Mi piace"