Anima, dal dizionario delle teologie femministe

ANIMA

Nelle Scritture ebraiche, il concetto di anima è rappresentato quasi esclusivamente dal termine ebraico nephesh, che non significa “anima immortale” ma “principio vitale” o “essere vivente”. Non esiste una nephesh separata dal corpo. Nel Nuovo Testamento, il termine greco psychè  significa di nuovo “vitalità” o “vita”. Le teologie femministe auspicano un ritorno all’interpretazione olistica originale, in cui corpo e anima non sono separati. Tuttavia, a causa del successivo diffondersi delle nozioni dualistiche, con la divisione tra carne e spirito, il corpo e l’anima furono divisi, l’anima venne innalzata e il corpo degradato.

Gli sforzi di mantenere uniti anima e corpo sono lo scopo fondamentale dal lavoro femminista sul termine anima. L’anima è particolarmente importante per la teologia womanist, perché il suo immaginario è collegato alla libertà nelle preghiere e negli spirtuals dell’epoca della schiavitù negli Stati Uniti, libertà che si riferiva alla liberazione sia del corpo sia dello Spirito. Dal momento che il dualismo ha nascosto così bene la nozione  secondo cui l’anima risente delle gioie e dei dolori del corpo, il primo passo è stato riunire anima e corpo , che sono stati divisi così a lungo. Dove il corpo è stato detestato in quanto carne, l’anima era da considerarsi “puro spirito”. Per le femministe, il termine anima è un riferimento olistico e profondo alla vasta rete composta da corpo, mente, intelletto, emozioni, desideri e quel carattere effimero  che è in grado di trascendere se stesso e penetrare profondamente nell’esperienza umana. Per esempio , Ching Hyun Kyung ha sottolineato che non c’è posto per il dualismo tra corpo e anima nella spiritualità asiatica, perché l’anima cresce dall’esperienza corporea quotidiana delle donne. L’anima è completamente impregnata di tutta l’esistenza umana e non può essere divisa facilmente in dualismi come sacro e profano. E’ il senso di sé più individuale e specifico : la combinazione di esperienza, speranza, scelta e connessione con ogni essere vivente e con la terra

 

CHUNG 1991; JOSEPH e LEWIS 1981; UNTERBERGER 1990.

 

GAIL LYNN UNTERBERGER

Annunci

Commenti disabilitati su Anima, dal dizionario delle teologie femministe

Archiviato in Uncategorized

I commenti sono chiusi.