I quaccheri e Calvino

Nell’augurarvi una buona domenica da parte di Stefano, un ex valdese confluito nei quaccheri, (ci rassicura che ha partecipato oggi in Irlanda a Dublino al Meeting non programmato del Silenzio nella Eustache street ed è molto entusiasta), cogliamo l’occasione pensando proprio a lui, come ex calvinista, di iniziare a spiegare i tratti delle convizioni quacchere e se Calvino possa essere considerato il padre della testimonianza quacchera. E’ l’unico documento trasmessomi fisicamente dalla prima testimonianza italiana e di cui curo la sola traduzione delle parti concernenti noi (e non Calvino).

Ci saranno i vari passaggi in base al lavoro svolto:

E’ Calvino il PADRE dei testimoni quaccheri?

Note di Edward Dommen del 2009, tradotte da Maurizio Benazzi

Introduzione

Giovanni Calvino (1509-1564) è il riformatore che pensò più profondamente problemi pressocché economici e sociali. Ah! venne da un backgruound di affari : suo padre era un amministratore di una proprietà di Chiesa della diocesi di Noyon, sua madre era la figlia di un custode di albergo prospero. John stesso studiò legge, insieme a lettere. Lui lo divenne di mestiere e di finanza. Lui si faceva sempre domande sul comportamento economico e sociale pressoché corretto nell’economia moderna e nascente nell’ economia che lui ha vissuto.

CALVINO INVENTO’ IL CAPITALISMO?

Calvino certamente produsse argomenti convincenti a legittimare fornitura di capitali, per un ritorno, a quelli che potevano farne un uso produttivo. Questo è certamente un fondamento del capitalismo. Da un alto lato, egli insistette con lo stesso respiro sull’essenziale importanza del mantenimento della comunità e quota di priorità prioritaria ai bisogni dei poveri. Questo paio di caratteristiche non è una caratteristica principale dell’ideologia capitalista.

Calvino indirizzò radicali ingiunzioni sulle condizioni economiche, sociali e ambientali di responsabilità a quelli che hanno avuto potere, in particolare a quelli che detengono il potere e in particolare a chi ha la ricchezza e chi ha il potere di conservarla.

Le idee di Calvino e dei puritani nel 17 secolo

Al tempo in cui i quaccheri apparvero sulla scena, il protestantesimo britannico aveva fermamente preso la strada puritana con la quale Max Weber aveva così luridamente descritto a DIFFERENZA CON L’INSEGNAMENTO SOCIALE DI Calvino. In particolare il puritanesimo potenzia l’individualismo e l’esistenza di una relazione fra successo e salvezza, alle quali Calvino si opponeva.

Poi nella metà del 17esimo secolo inglese, le traduzioni inglese del lavoro di Calvino erano dei best -sellers.

Uno può presumere – in salvo – che i fondatori del quaccherismo erano consapevoli delle sue idee. Tutto al più così che i quaccheri hanno badato dall’inizio ad essere estesamente borghesi, sia in contesto urbano o rurale – e come loro hanno continuato ad essere presenti. precisamente il pubblico, a chi le ammonizioni di Calvino furono indirizzate primariamente.

Testimonianza di fede

Testimonianza è unità della parola e azione in modo che entrambe portano testimonianza a Dio e diventano strumenti del fine divino Riflessioni della nostra storia possono condurci a identificare in particolare la testimonianza quacchera in PACE, SEMPLICITA’, VERITA’, EHUAGLIANZA .

Siamo chiamati a fare completa vita individualmente e corporativamente, una testimonianza al mondoi. In questo modo noi possiamo essere un suggerimento a quello che Dio vuole per il mondo (N&M 2.16)

Testimonianza è affermativa; sebbene spesso ci porta a dissentire. Essa è affermativa ma può portare contro certe pratiche accettate attualmente in società di massa.

Testimonianza ..,è l’espressione della nostra profondità di impegno spirituale. E’ quello che siamo portati dentro quando noi conosciamo sperimentando come Dio desidera che il mondo sia, come Dio auspica che gli umani conducano le loro vite (FiA p. 27)

Impegno nel mondo

E questa è la parola del Dio Dio, a Lei tutto, ed una carica ad a te di tutta la presenza del dio vivente ed un impegno per te nella presenza della vita di Dio ; essere modelli, esempi in tutti i paesi, piazze isole, nazioni ovunque tu sia, quel comportamento e vita puoi predicare tra ogni sorta di gente ed a esse; poi tu camminerai allegramente nel mondo, affermando che Dio è in ognuno. (George Fox 1656 (F&P 19.32)

La vera devozione non gira fuori dagli uomini e dal mondo ma li abilita, per vivere meglio in esso ed esercitarsi con loro negli sforzi per accomodarlo.

Loro dovrebbero tenere il timone e guidare il vascello al suo porto; non vilmente fuori alla poppa sul mondo e lasciare quelli che sono in lui con pilota per essere guidati dalla furia dei cattivi tempi sulla pietra o sabbia di rovina.

William Penn 1682 (F& P 23.02)

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...