ONU: armi nucleari illegali dal 2017

31.10.2016 Tony Robinson

Quest’articolo è disponibile anche in: Inglese

ONU: armi nucleari illegali dal 2017

La scorsa settimana è accaduto un fatto storico alle Nazioni Unite.

Nonostante l’enorme pressione degli USA, 123 nazioni, tutte con pari dignità all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, hanno deliberato di avviare nel 2017 negoziati per vietare le armi nucleari. Perché questa notizia non si espande come un incendio? Perché non ci sono partiti in strada?

Uno dei motivi è che nessuno prende più sul serio la minaccia delle armi nucleari per l’umanità. E quando diciamo “nessuno” ci riferiamo ai media mainstream, che per questa notizia riservano spazio quasi zero nei loro giornali, stazioni radio, stazioni televisive e siti web. Perciò “nessuno” in questo caso sono i magnati dei media, che sono in combutta con le banche, coi politici e col complesso militare-industriale per mantenere il più a lungo possibile lo status quo, a prescindere dalle conseguenze per l’umanità. Infatti costoro sono solo in grado di pensare a quanti soldi possono fare nel presente e forse ancora per pochi anni in futuro.

Un altro motivo (in realtà un corollario del primo motivo), è che la maggior parte delle persone certo pensa che le armi nucleari siano già illegali. Se le armi chimiche e biologiche sono illegali, se le mine antiuomo e le bombe a grappolo sono illegali, le armi nucleari che sono diversi ordini di grandezza più distruttive saranno ben state messe fuorilegge tanti anni fa… Il mondo non ha eliminato le armi nucleari quando è caduto il muro di Berlino?

Ebbene, in realtà, no. Nonostante l’offerta di Gorbaciov a Reagan di eliminare le armi nucleari, non è mai successo, anche se è stato ridotto il numero di bombe attraverso vari trattati. Oggi gli Stati Uniti e la Russia hanno circa 14.000 bombe (a seconda delle stime), molto meno delle 80.000 stimate al culmine della guerra fredda, ma ancora un numero enorme se si capisce che 100 bombe sganciate sulle città porterebbero a un inverno nucleare che eliminerebbe il 25% della popolazione mondiale, chissà quante altre specie, e probabilmente indurrebbe i sopravvissuti a fare il passo preferibile: suicidarsi.

Ma nonostante il silenzio dei media e la mancanza di partiti in strada, la storia è stata fatta e nel modo più straordinario.

Fin dalla fine della Conferenza di revisione del NPT nel 2010 – la conferenza 5-annuale che esamina i progressi del Trattato di Non Proliferazione nucleare per vedere come il disarmo sta evolvendo e per raccomandare ulteriori passi – alcuni governi e la società civile hanno elevato il dibattito ben oltre i pretestuosi “problemi di sicurezza” dei P5 (i cinque membri Permanenti del Consiglio di Sicurezza -NDT) e messo a fuoco le “preoccupazioni umanitarie”: il fatto che una guerra nucleare cancellerebbe dalla faccia della terra gli esseri umani, e probabilmente tutte le forme di vita – tranne forse pochi insetti e batteri che hanno un breve ciclo di vita.

In altre parole, secondo questa nuova strategia, indipendentemente da problemi di sicurezza, se scoppia una guerra nucleare tutti noi perdiamo. Einstein pronunciò la famosa frase: “Io non so con quali armi la terza guerra mondiale sarà combattuta, ma la quarta sarà combattuta con bastoni e pietre”. Tuttavia, a quanto pare, con le nuove conoscenze disponibili grazie ai progressi della scienza del clima, Einstein potrebbe essere stato troppo ottimista: non ci sarà una quarta guerra mondiale – mai.

Il TNP è stato un grande patto: chi non possiede armi nucleari non potrà mai produrle, chi le possiede le smantellerà e tutti noi avremo il diritto di sviluppare l’energia nucleare (per scopi pacifici -NDT). E ‘stata una grande idea a quel tempo (1968) perché nessuno comprendeva pienamente i pericoli dell’energia nucleare, cosa che ha veramente colpito la coscienza umana solo con gli incidenti di Three Mile Island e i successivi disastri di Chernobyl e, più recentemente, Fukushima.

Il problema con quel grande patto è che non è stato soddisfatto 47 anni più tardi e i paesi senza armi nucleari sono stanchi di essere tenuti in ostaggio dagli stati dotati di armi nucleari con la minaccia dell’enorme violenza nucleare. E non importa se i P5 dicono di essere paesi “responsabili”; le loro dottrine di sicurezza consentono l’uso di queste armi: come rapinatori di banche impugnano la pistola, non importa se è carica o no, il fatto che lui o lei ce l’ha uno in mano costituisce rapina.

Ottenere l’approvazione di questa risoluzione è stato un processo duro. Nonostante la presunta uguaglianza degli Stati membri presso le Nazioni Unite, evidentemente ci sono alcuni stati che sono più uguali di altri. I P5 hanno un diritto di veto al Consiglio di Sicurezza e le differenze economiche sono tali che i paesi sviluppati sono in grado di manipolare i paesi in via di sviluppo.

Tuttavia, per la gioia di tutti quelli del movimento anti-nucleare della società civile e dei 57 governi (* vedi nota a pie’ di pagina) che hanno sponsorizzato la risoluzione, molto pochi paesi hanno ceduto alle pressioni mentre 123 paesi hanno votato per avviare i negoziati il prossimo anno.

Gli stati che possiedono armi nucleari e quelli che stanno sotto un cosiddetto “ombrello nucleare” con accordi di difesa non erano mai stati così divisi. Dei 9 paesi con armi nucleari, cinque (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Russia e Israele) hanno votato contro la risoluzione, tre (Cina, India e Pakistan) si sono astenuti e uno (Corea del Nord) ha votato a favore della risoluzione.

Tra gli stati sotto ombrello nucleare, i Paesi Bassi sono stati costretti ad astenersi a causa di una sempre più efficace campagna della società civile presso il Parlamento olandese Si sono anche astenuti Armenia, Bielorussia e Kirghizistan. (NDT: fra gli Stati europei non solo hanno votato a favore, ma avevano addirittura hanno sponsorizzato la risoluzione: Austria, Irlanda, Liechtenstein e San Marino).

Il Giappone ha votato contro il divieto: cosa che lascia gli osservatori permanentemente stupiti, dato che il Giappone è l’unico paese con una conoscenza di prima mano di ciò che significa avere una bomba sganciata sulle sue città.

Al termine della votazione, i paesi hanno usato i loro soliti discorsi per sostenere le loro posizioni. Alcuni paesi hanno detto che temono che il nuovo processo minerà il TNP, nonostante il fatto che i paesi che lo sostengono hanno dichiarato più e più volte che questa risoluzione non farà altro che rafforzare l’articolo VI del TNP. Altri dicono che il nuovo processo causa divisioni, che sono contenti di restare con lo status quo grazie al quale nulla si è mosso in colloqui sul disarmo in 47 anni. Il Trattato di messa al bando non è entrato in vigore, il trattato sul materiale fissile non è stato scritto, gli USA hanno esentato dal trattato i missili anti missili balistici (che possono ben essere armati con testate nucleari a scopo offensivo – NDT) e siamo ancora in attesa di negoziati per una zona priva di armi di distruzione di massa in Medio Oriente. Con tutto ciò, TUTTI gli stati con armi nucleari stanno attuando, o sono in procinto di attuare, piani di modernizzare dei loro arsenali, a un costo astronomico per l’economia globale e per i poveri del mondo.

Si sa che il nuovo trattato non metterà fuori uso uno una sola arma nucleare il giorno della sua ratifica, ma le renderà efficacemente illegali agli occhi dei tribunali internazionali e multinazionali; le banche non vogliono che il pubblico sappia che esse sono coinvolte in qualcosa di illegale e quindi il trattato farà scattare la pressione per disinvestire. Le campagne della società civile per abolire le armi nucleari saranno enormemente potenziate e nessun politico potrà più dire che il TNP dà al suo paese il diritto legale di mantenere le armi nucleari: alla fine questo è il motivo per cui gli USA (e i loro amici) erano così ansiosi di evitare che questa risoluzione fosse portata all’Assemblea Generale.

Ed è per questo che la sua approvazione è così storica. Quelli che per decenni hanno accusato altri Stati di essere “irresponsabili” e “paria” ora si trovano a subire queste medesime accuse, con buonissima ragione.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...