Pensiero del 10 novembre

10 novembre

Spingete una persona nella trappola e poi le dite che deve essere contenta della situazione in cui la provvidenza l’ha messa. Questo è il nostro cristianesimo contemporaneo. Dite “non lo abbiamo spinto”. Certo non saremo consci di quello che facciamo e di quello che non facciamo finché ogni mattino non ci porremo la domanda su come fare nel corso del giorno non quello che ci conviene, ma quel è giusto , finché noi saremo cristiani al punto , per lo meno, da riconoscere la giustezza del detto mussulmano, secondo cui “un’ora di giustizia vale più di sette anni di preghiera”.

John Ruskin

Annunci

Commenti disabilitati su Pensiero del 10 novembre

Archiviato in Uncategorized

I commenti sono chiusi.