Messaggio religioso dei quaccheri

2.

Edward Burrough

Da

Una confessione di fede e di ciò in cui crediamo rivolta a tutto il mondo … (1657)

Scrivo perché tutti su questa terra possano conoscere chi ci ha salvato e in che modo, quali siano le nostre speranze di vita eterna, ciò che noi crediamo riguardo a Dio, a Cristo, allo Spirito e a quel che è eterno, perché gli uomini sappiano e credano.

Riguardo a Dio, a Cristo e allo Spirito noi crediamo che: Esiste innanzitutto un solo Dio che è Spirito; la sua presenza riempie il cielo e la terra; egli è eterno e immortale, creatore e salvatore di tutte le cose; e il cielo e la terra e tutto ciò che essi contengono sono stati concepiti e creati da lui; è il suo potere che ha retto sin qui ogni cosa e tutto ciò che egli vuole in cielo e in terra si compie mediante la sua parola e la sua volontà. Solo questo Dio deve essere temuto , amato. Ubbidito e adorato da ogni creatura , lui solo, in cielo e in terra. Crediamo anche che culto, obbedienza, timore e amore gli debbano essere resi in Spirito , anche in ciò cui il suo Spirito stesso guida e conduce il suo popolo. Crediamo che il solo culto da lui voluto e accettato non sia quello dell’osservanza esteriore di tradizioni umane, in giorni e luoghi prestabiliti, ma che egli debba essere adorato solo in spirito e verità, senza riguardo al momento , al luogo e agli oggetti; e che nessuno possa adorarlo in purezza di cuore se non i suoi figli, coloro cioè che sono nati dal suo Spirito e da questo guidati.

Altresì crediamo che questo Dio abbia inviato nel mondo suo Figlio Gesù Cristo, libero dono a tutta l’umanità , che ogni creatura che viene al mondo riceva luce da lui e che ogni uomo possa salvarsi mediante la fede. Cristo è stato inviato per tutto il mondo, senza esclusione alcuna di nazioni, paesi o popoli… crediamo che abbia illuminato ogni uomo e che chiunque creda e accolga Cristo , che è la saggezza e la potenza del Padre, avrà l’eterna salvezza; chi non crederà in lui sarà condannato e conoscerà l’eterna infelicità. Crediamo che salvezza , giustificazione e santificazione siano solo in lui e da lui solo, da nessun altro , provengono. Ancora , tutti coloro che accolgono e credono in lui, con lui si riconciliano… per vivere in Dio in ogni cosa, ricevendo così la remissione dei peccati, liberati da ogni ingiustizia , dal corpo del peccato e della morte, giungendo ad avere in sé la testimonianza dello Spirito. Ed essi hanno ricevuto lo Spirito del Padre, che testimonia in loro la presenza sua e del Figlio e delle cose che vivono nella loro pace. Lo Spirito è la garanzia dell’eredità e il suggello della promessa di vita eterna ; per suo mezzo l’essenza profonda di Dio si rivela all’umanità , grazie allo Spirito il Padre e il Figlio vivono nei santi , per Lui si riuniscono l’uno all’altro e il Padre , il Figlio e lo Spirito sono un’unica cosa. Ciò, in tutta sincerità , noi crediamo.

E ancora , riguardo a Cristo , noi crediamo che sia uno con il Padre e che fosse con lui prima che il mondo esistesse; e ciò che il Padre fa , si compie mediante il Figlio , perché questi è il braccio della salvezza di Dio, è il potere e la saggezza del creatore… Tutti i profeti ne hanno reso testimonianza , ed egli si manifestò in Giudea e Gerusalemme e compì l’opera del Padre, fu perseguitato dagli ebrei, fu crocefisso dai suoi nemici, fu sepolto e risorse secondo quanto narrano le Scritture. Crediamo che ora sia asceso al Cielo, assiso in eterno alla destra del Padre ; che è glorificato nella medesima gloria di prima che il mondo esistesse.

… Crediamo pure che colui che era morto è vivo e vive in eterno; che egli viene e verrà per giudicare tutto il mondo secondo giustizia e ognuno secondo equità, dando a ciascuno in misura dei suoi meriti quando, nel giorno del giudizio, tutti risorgeranno , per essere condannati o giustificati; e chi ha agito secondo il bene riceverà vita e chi ha operato il male la dannazione eterna.

E crediamo che Cristo debba essere atteso in Spirito , conosciuto secondo lo Spirito, poiché egli era prima che il mondo fosse, e che coloro che credono in lui conosceranno la vita eterna. Egli domina la morte e vince colui Egli domina la morte e vince colui Egli domina la morte e vince colui Egli domina la morte e vince colui Egli domina la morte e vince colui Egli domina la morte e vince colui Egli domina la morte e vince colui Egli domina la morte e vince colui Egli domina la morte e vince colui Egli domina la morte e vince colui Egli domina la morte e vince colui Egli domina la morte e vince colui che ne ha il potere, fa rinascere dalla morte alla vita e ravviva col suo Spirito tutto ciò che il Padre gli ha dato . Coloro che egli giustifica e santifica ricevono la sua sapienza , ma egli condanna tutti coloro che non credono e al contrario perseverano nell’incredulità.

…. Crediamo anche che per tutti , in ogni parte del mondo , sia stabilito il giorno e il momento della visitazione , di modo che ognuno possa ravvedersi ed esser salvato da Gesù Cristo , inviato dal Padre a chiamare a ravvedimento i peggiori tra gli uomini ; che i peccatori più iniqui possano essere da lui convinti delle proprie azioni malvage, ricevere la fede, convertirsi e salvarsi. In ciò l’amore di Dio si manifesta a tutta l’umanità e nessuno è da lui escluso prima che venga al mondo, ma a tutti è dato un giorno in cui Dio verrà a visitarli; la morte è per coloro che non credono in Gesù Cristo ; gli uomini distruggono, ma Dio salva mediante suo Figlio, che toglie il peccato e da vita nuova nella propria immagine, in modo che tutti possano essere figli di Dio con lui.

E crediamo che sia data una corona di gloria e un’eredità di vita eterna a tutti quelli che credono e sono prescelti da Dio ; che infelicità eterna e distruzione attendano coloro che non credono, perseverano nell’errore e non si allontanano dalla via del peccato e della morte, ma seguono le voglie del proprio cuore, esaudendo la volontà della carne nel male di questo mondo… Su tutti costoro ha dimora la collera di Dio ed essi non hanno parte alcuna nella discendenza di Dio.

Solo chi è nato di nuovo mediante lo Spirito e vive secondo questo passa dalla morte alla vita, si toglie dal mondo e da tutto ciò che lo concerne . Solo costoro devono ereditare il regno di Dio, essi solo, e non altri ne hanno il diritto.

… Noi crediamo che i santi sulla terra possano ricevere la remissione dei peccati, ed essere completamente affrancati dal corpo di morte e di peccato; essi, in Cristo, possono essere perfetti e senza peccato, e per fede, riportare la vittoria su ogni tentazione. Ogni santo chiamato da Dio dovrebbe anelare alla perfezione e vincere il demonio e le sue tentazioni mondane; coloro che attendono a ciò, lo otterranno e potranno presentarsi al cospetto del Padre senza peccato. Costoro non seguono la carne ma lo Spirito , con loro Dio ha stretto un patto e i loro peccati sono cancellati, Né mai più verranno ricordati; essi infatti non peccano più, nati come seme di Dio.

Crediamo poi che il Vangelo di cristo sia la potenza di Dio che salva; esso dovrebbe essere predicato liberamente a tutte le genti, e di Cristo , mediante i ministri da lui inviati , si dovrebbe rendere testimonianza a tutta l’umanità. Questo ministero si riceve per dono dello Spirito: tutti coloro che hanno ricevuto questo dono sono con legittimità chiamati al ministero e possono così predicare liberamente l’Evangelo di Cristo, come liberamente l’hanno conosciuto.

… Non si esercita il ministero di Cristo senza il dono dello Spirito Santo, né si riceve l’evangelo mediante lo studio o l’educazione ; crediamo quindi che chi predica per denaro o è stipendiato a questo scopo non possa con legittimità definirsi ministro dell’Evangelo di Cristo; costo sono pieni d’orgoglio e presunzione , sono uomini avidi che non operano affatto per il bene del popolo, e si sono messi in vista senza che mai siano stati inviati da Cristo, che solo mediante il suo Spirito chiama all’opera i propri ministri.

… Riguardo ai governati e agli amministratori, noi crediamo che ogni nazione , ogni città, ogni contea o villaggio ne debba avere. Dovrebbero essere uomini che temono Dio e odiano qualsiasi forma di malvagità, che giudicano in nome di Dio e non dell’uomo …in modo saggio e giusto, senza lasciarsi corrompere e senza riguardo alcuno alle persone, che non valutano il ricco più del povero; devono lodare coloro che agiscono per il bene ed essere di terrore ai malfattori; chiunque essi siano , e conoscere ed esercitare la pura legge di Dio. Anche ogni legge degli uomini, noi crediamo , deve fondarsi sulla legge di Dio. Le leggi dovrebbero essere rese note a tutti prima di venire applicate, le pene devono essere commisurate all’entità della trasgressione e chi trasgredisce non deve sfuggire alla punizione. A nessuno per falsi sospetti o per invidia, si dovrebbero infliggere delle sofferenze , quando mancano vere testimonianze o ammissioni di colpa. Chi è incaricato di dar seguito alle leggi deve dar prova di equità , né ciò va affidato a presuntuosi o agli ubriaconi e ai malvagi ; i giudici andrebbero rinnovati ogni anno , o altrimenti , ma sempre con il consenso del popolo , a cui non va impedito di esprimere le proprie libere scelte. Chi governa o chi comanda noi crediamo debba render conto al popolo e ai propri successori di ogni sua azione ; su queste deve essere lecito indagare in ogni occasione e i più potenti devono risponderne davanti alle leggi, né più né meno del più umile dei cittadini. E così che la vera giustizia progredisce nel mondo.

… Riguardo alla religione , noi crediamo che solo lo Spirito del Signore renda gli uomini veramente religiosi e che non si debba costringere alcuno , o impedirne a chicchessia , mediante la legge, di avere una certa pratica religiosa; ognuno va in questo lasciato libero , perché sarà il signore a convincerlo ad accostarsi o meno a questa o a quella pratica religiosa. Ogni persona , a qualsiasi confessione appartenga, dovrebbe essere pacificamente protetto dall’esercizio di questa, sempre che egli stesso sia un uomo di pace e non si dia a far torto al altrui o alle altrui proprietà.

Noi crediamo che opporsi alle false credenze, combattere le dottrine e i principi corrotti  cercando di convincere chi se ne fa sostenitore e impiegando allo scopo esortazioni , rimostranze anche aspre, la parola e gli scritti , non andrebbe considerato contrario alla pace, né che andrebbe punito dai magistrati e dalla legge il discutere ciò che riguarda il regno di Dio, pur fra opposte opinioni e giudizi. Le leggi e il potere esteriori devono infatti servire su questa terra solo a offrire protezione alle persone e alle loro proprietà, non riparo alle loro opinioni; le leggi della nazione non dovrebbero venire imposte alle coscienze per legarle o meno a questa o a quella pratica religiosa; è Cristo soltanto – o tal dovrebbe essere – l’unico Signore e maestro della coscienza degli uomini e solo il suo spirito deve guidare alla completa verità.

Noi crediamo che i superiori debbano obbedienza e soggezione al Signore e che coloro che sono sottoposti ad essi debbano ubbidire nel signore a chi detiene il potere; i figli ai genitori, le mogli ai mariti, i servitori ai padroni, in ogni cosa che sia secondo il volere di Dio.

… Quando però chi governa , genitori, padroni o chiunque altro ordinano o pretendono di essere obbediti in contrasto col volere di Dio , in queste circostanze tutti sono liberi e meglio sarebbe ubbidire a Dio piuttosto che agli uomini. Crediamo allora che Dio li giustifichi , poiché è il suo spirito che li guida verso il bene e li preserva dal male.

Riguardo all’elezione e alla dannazione , noi crediamo che esista uno stato di lezione e uno stato di dannazione , l’uno scelto e l’altro respinto da Dio; tutti gli uomini si trovano nell’una o nell’altra condizione. Tutti gli eletti lo sono in Cristo , e quelli che non sono in Lui ne sono rifiutati,  creature della collera e della disobbedienza , alienate da Dio, che vivono nel peccato senza essere riconciliate con lui… all’oscuro del suo potere e della sua sapienza; hanno una cortina davanti all’intelletto , che impedisce loro di vedere e di percepire le cose eterne. Allora anche le azioni migliori sono peccato e qualsiasi cosa si faccia non si può essere accettati da Dio , perché si è morti a lui mentre si è vivi al male, operando ogni cosa da fondamenta maledette.

Tale è la condizione di tutta l’umanità se ci riferiamo al primo Adamo… e tutti coloro che essa dimorano vengono respinti da Dio e non erediteranno mai la vita eterna, ma saranno perduti. Eppure verrà per tutti costoro il giorno in cui Dio li visiterà e allora potranno uscire da questo stato di perdizione; se invece… disprezzano l’amore di Dio essi restano nello stato precedente e la collera divina li accompagna. Quelli invece che Dio ha scelto, non incorrono nella sua ira, perché credono nella luce  e ne diventano figli , rinnovati nella mente e nel cuore per ricevere l’amore del Padre e radicarsi in Cristo, il secondo Abramo.

I loro frutti nascono allora da un terreno benedetto, perché sono guidati dallo Spirito del Padre. Sono questi gli eletti, quelli che sono eredi con Cristo dell’eterna eredità che mai non vacilla.

… E’ nostro intendimento che queste cose siano diffuse ovunque nel mondo , di modo che tutti possono comprendere la nostra fede e quel che abbiamo ricevuto da Dio… Molte altre cose si potrebbero scrivere, ma in breve  questo è il messaggio di chi ha creduto e ricevuto conoscenza di quelle cosa dal Signore.

Un uomo che è amico di tutti,

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...