MSF, basta bombe su civili e ospedali in Siria


07.12.2016 Dario Lo Scalzo

MSF, basta bombe su civili e ospedali in Siria
(Foto di Dario Lo Scalzo)

Medici Senza Frontiere (MSF) è scesa in Piazza Montecitorio lo scorso 6 dicembre 2016 per chiedere la fine dei bombardamenti indiscriminati sui civili e sulle strutture ospedaliere che da alcuni mesi si sono intensificati in Siria. Aleppo est ma anche le aree di Damasco e Homs sono ormai bersaglio di un’escalation di violenza che non risparmia neppure scuole e abitazioni.

“Siamo in una fase drammatica del conflitto” ci dice il presidente di Medici Senza Frontiere Italia Loris De Filippi.

La mobilitazione è un atto di solidarietà al popolo siriano che da oltre cinque anni sopporta le conseguenze di un conflitto atroce e disumano. MSF reclama con veemenza che vengano inoltre garantiti immediatamente il diritto alla fuga dei civili rimasti intrappolati nel tentativo di cercare protezione, la possibilità di fornire assistenza umanitaria e la possibilità di ottenere dei passaggi liberi e sicuri del personale medico e umanitario affinchè si possa procedere all’evacuazione di malati e feriti.

Un appello che viene indistintamente diretto a tutte le parti di un conflitto nel quale, come ci ricorda il presidente De Filippi, si è violato sistematicamente il diritto umanitario internazionale.

Eravamo presenti alla mobilitazione capitolina. Qui di seguito potete ascoltare la nostra intervista al Presidente di Medici Senza Frontiere Italia Loris De Filippi

Annunci

Commenti disabilitati su MSF, basta bombe su civili e ospedali in Siria

Archiviato in Uncategorized

I commenti sono chiusi.