Pensiero del 12 dicembre

Ringraziamo le 182 lettrice e lettori della pagina Preghiera ebraica nostro sito quaccheri.it: siamo consapevoli che ogni pagina è un tesoro spirituale in Italia, frutto di instancabile lavoro di digitalizzazione.

12 dicembre

La via propria della correzzione certo è dura, ma non lo è in sé, ma perché ci siamo per tanto tempo abbandonati ai vizi che ci rendono difficile la via della correzione. SOffriamo in questa lotta nella misura in cui i nostri vizi sono riusciti a radicarsi in noi. Non possiamo pensare che Dio sia responsabile della necessità di questa guerra, perché , se non ci fossero vizi, non ci sarebbe la guerra. Ciò significa che la causa della guerra è nella nostra stessa coscienza. Ma in questa guerra c’è la nostra salvezza e se Dio ce ne liberasse, allora , infelici, rimarremmo in mezzo ai nostri vizi,

Baise Pascal

“A me appartengono questi figli, a me appartengono queste ricchezze”, ecco i pensieri dello stolto. Come possono appartenere le ricchezze a lui, quando egli stesso non si appartiene?

Dhammapada

Annunci

Commenti disabilitati su Pensiero del 12 dicembre

Archiviato in Uncategorized

I commenti sono chiusi.