Lettere del 1914 ricordano una tregua

25.12.2016 Francesco Cecchini

Lettere del 1914 ricordano una tregua

 

Una lettera, scritta 102 anni fa, da un ufficiale britannico alla madre, da una trincea del fronte occidentale racconta una tregua tra soldati tedeschi e inglesi, in occasione del natale.

Il nome dell’ufficiale è Alfred Dougan Chateer e scrive: “Penso che oggi ho assistito una degli spettacoli più straordinari che nessuno abbia mai visto. Verso le 10 del mattino, stavo affacciato al parapetto della trincea, quando ho visto un tedesco agitare le braccia e subito dopo  due di loro uscirei dalla loro trincea e  avvicinarsi alla nostra. Uno dei nostri uomini va verso loro e in un paio di minuti, il terreno tra le due linee di trincee è pieno di uomini e ufficiali di entrambe le parti che si stringono le mani e si augurano un Buon Natale. Ci siamo scambiati sigarette e autografi e ci siamo fatto delle foto. Sono stati sepolti anche soldati britannici e tedeschi, i cui corpi erano nella terra di nessuno. Non so quanto tempo durerà … In ogni caso, avremo un altra tregua al nuovo anno, i tedeschi vogliono vedere come le foto escono! Scrivo ciò in trincea, nel mio ‘rifugio’, con un fuoco di legna e un mucchio di paglia (…), nonostante il duro  freddo di Natale.”

La tregua non durò e Chater rimase gravemente ferito tre mesi più tardi, ma sopravvisse  e  morì in Inghilterra nel 1974.

Durante la cosiddetta tregua di Natale tra tedeschi e inglesi di 102 anni fa diverse lettere furono scritte dai soldati alle loro famiglie e raccontarono quell’avvenimento. La decisione dei soldati fu tanto criticata dai superiori, quanto ricordata come uno dei momenti più belli di quegli anni dai soldati stessi. Quella sera a quanto scrissero i quotidiani britannici in una zona del fronte nella terra di nessuno fu anche giocata una partita di calcio tra inglesi e tedeschi finita 3-2 per i tedeschi. Di questa partita si trova testimonianza anche in una lettera del generale Walter Congreve che racconta alla moglie della tregua e della partita di calcio anche se non l’aveva vista con i propri occhi, ma gli era stata raccontata da alcuni suoi commilitoni.

https://www.youtube.com/watch?v=iAWTEeST6rg

 

Vale la pena ricordare in occasione della tregua tra soldati e, non certo, tra generali, l’azione in corso per riabilitare, storicamente e giuridicamente i fucilati e decimati italiani durante il grande massacro 15-18.

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...