USA, proteste anti Trump da costa a costa

06.02.2017 Democracy Now!

Quest’articolo è disponibile anche in: Inglese

USA, proteste anti Trump da costa a costa

Durante il week end decine di migliaia di persone da costa a costa si sono riversate per strada per manifestare la loro opposizione al bando dei musulmani voluto da Trump, alle nomine dei suoi ministri e alle molteplici bugie diffuse la settimana scorsa dalla Casa Bianca e dai principali esponenti del governo Trump. Venerdì notte a New York City i manifestanti si sono riuniti per una finta veglia criticando il consigliere del presidente Kellyanne Conway, che aveva cercato di giustificare il Muslim Ban citando un attacco terroristico a Bowling Green, nel Kentucky, mai avvenuto. Riuniti fuori dalla stazione della metropolitana di Bowling Green, a  Manhattan, hanno inscenato una finta “commemorazione” delle vittime immaginarie.

“Stiamo commemorando le vittime di Bowling Green” ha detto uno dei manifestanti. “Non è mai successo e dunque non sono state commemorate. Noi sentiamo che le vittime di tutti i massacri andrebbero commemorate e così in questo mondo di fatti alternativi questo è qualcosa che va commemorato. Per questo siamo qui.”

Sempre a New York City, sabato migliaia di persone hanno invaso la zona intorno al Stonewall Inn per un raduno di appoggio alla comunità LGBT e contro la stretta di Trump sull’immigrazione, compreso il Muslim ban.

“Mi chiamo Ishalaa Ortega e sono qui per combattere per i nostri diritti” ha detto una degli attivisti. “Come donna di colore immigrata e transgender, come atea e come persona costretta a fuggire dal proprio paese, sono qui per dire a  Donald Trump che resisteremo e non accetteremo quello che sta cercando di farci.”

Migliaia di manifestanti si sono radunati sabato davanti alla Casa Bianca a Washington, D.C., per una protesta intitolata “Niente Bando, Niente Muro”, a Filadelfia, con lo slogan “Rifugio dovunque” e a West Palm Beach, in Florida, dove migliaia di persone hanno raggiunto il Club Mar-a-Lago, dove Trump passava il weekend.

Altre centinaia hanno protestato all’aeroporto di Los Angeles, davanti al tribunale nel centro di Miami e in diverse iniziative a Denver, compresa una davanti all’ufficio del Senatore Cory Gardner, per chiedergli di rifiutare la nomina di Betsy DeVos a Ministro dell’Istruzione. Al confine vicino a San Diego, in California, manifestanti messicani hanno chiuso il Porto d’Entrata di San Isidro durante un “boicottaggio della frontiera” per protestare contro gli ordini esecutivi anti immigrati di Trump e un enorme aumento dei prezzi del carburante in tutto il Messico.

Domenica infine migliaia di persone hanno protestato a  Los Angeles contro gli oleodotti Dakota Access e Keystone XL. Nonostante l’intensa resistenza di nazioni indigene, agricoltori bianchi e attivisti per l’ambiente, Trump ha preso misure per riprendere la costruzione di entrambi gli oleodotti.

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...