Pensiero del 14 del quinto mese

14  del quinto mese

Il saggio si affligge per la sua incapacità di fare il bene che desidera, ma non si affligge perché la gente non lo conosce o dà giudizi falsi su di lui

Sapienza cinese

Adoperandoci per la felicità altui, troviamo la nostra

Platone

“Fate del bene, vivendo e morendo”, nel caso contrario verrà inevitabilmente il giorno in cui lavorerete non a vantaggio del bene, ma del male.

John Ruskin

Annunci

Commenti disabilitati su Pensiero del 14 del quinto mese

Archiviato in Uncategorized

I commenti sono chiusi.