La Cina sorveglia le religioni

La Cina sorveglia le religioni

La libertà religiosa in Cina è gravemente minacciata dalle misure di sorveglianza introdotte dal governo

La Cina sorveglia le religioni

(ve/pt) Il governo cinese impiega telecamere di sorveglianza, tecnologie biometriche e intelligenza artificiale per sorvegliare e intimidire le comunità religiose. Lo dichiara un rapporto della Commissione del ministero degli esteri statunitense per la libertà religiosa internazionale (United States Commission on International Religious Freedom, USCIRF).
Il rapporto segnala come il governo cinese abbia installato migliaia di telecamere intorno a moschee, templi e chiese per sorvegliare chi prende parte alle funzioni religiose. Presi di mira dalle tecnologie di riconoscimento facciale sarebbero in particolare i musulmani uiguri e i buddisti tibetani.

La Cina sorveglia le religioni

Stato di sorveglianza
“Siamo turbati dall‘uso improprio della tecnologia da parte del governo cinese per creare uno Stato di sorveglianza che prende di mira in particolare le comunità religiose”, ha affermato il commissario dell’USCIRF Gary Bauer. “Chiediamo al governo degli Stati Uniti e alle imprese americane di adottare misure al fine di garantire che i progressi tecnologici statunitensi non vengano utilizzati dalle autorità cinesi per reprimere la libertà religiosa e i relativi diritti umani”, ha proseguito. “La repressione cinese della religione non è una novità, ma la capacità del governo di utilizzare queste tecnologie ha ampliato la portata e le dimensioni della minaccia alla libertà religiosa nel paese”, ha aggiunto la commissaria Tenzin Dorjee.

La Cina sorveglia le religioni

Rapporto sulla libertà religiosa
Nel rapporto annuale 2019 l’USCIRF raccomanda al governo degli Stati Uniti di aumentare le restrizioni alle esportazioni di tecnologie che hanno migliorato la capacità del governo cinese di sorvegliare comunità religiose ed etniche. L’USCIRF ha accolto con favore l’approvazione da parte del Senato statunitense dell’“Uyghur Human Rights Policy Act”, la legge sulla politica dei diritti umani degli uiguri che obbligherebbe il direttore dell’intelligence nazionale a riferire in merito al trasferimento o allo sviluppo di tecnologie utilizzate dalle autorità cinesi per sorvegliare e arrestare i musulmani uiguri. (apd)

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Una risposta a “La Cina sorveglia le religioni

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...