La Camera approva la mozione per la cittadinanza a Patrick Zaki. “Ora il governo cambi strategia”

08.07.2021 – Amnesty International

La Camera approva la mozione per la cittadinanza a Patrick Zaki. “Ora il governo cambi strategia”
(Foto di https://www.facebook.com/stationtstation2agosto/)

La mozione approvata il 7 luglio alla Camera dei deputati deve servire a ottenere “un cambiamento di strategia” da parte del governo italiano, che puntando su “cautela” e “dialogo” con l’Egitto non è riuscito a salvare Patrick Zaki da una situazione tragica”, ha dichiarato all’agenzia Dire Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.

Quella di oggi è una giornata molto importante per il Parlamento italiano. Ogni volta che il nome di Patrick viene fatto dove si prendono decisioni è un fatto rilevante, perché significa che la sua storia preoccupa anche l’ItaliaOra sta di nuovo al governo, come dopo il voto al Senato del 14 aprile, agire e esplorare tutte le strade praticabili perché ottenga la cittadinanza italiana” sottolinea Noury. “È un percorso molto difficile e alle difficoltà tecniche si aggiungono quelle derivanti dalla parola ‘cautela’, ripetuta anche ieri dal governo durante la discussione alla Camera; sono 17 mesi che la sentiamo abbinata a un’altra parola, ‘dialogo’, con l’Egitto“.

Mi auguro che il voto di oggi serva per ottenere dal governo italiano un cambiamento di strategia, il che vuol dire cominciare a fare delle cose e smettere di farne altre. Bisogna ad esempio cessare di fornire armi a un regime repressivo come quello del Cairo e mostrare segni di protesta e di malcontento per la situazione complessiva dei diritti umani in Egitto“, ha concluso Noury

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Jesus Was a Working Class Hero

For as long as there has been ‘civilisation’ there have been systems of class inequality. Many in working-class movements have concurred with the view that the history of society is the history of struggle between oppressor and oppressed.

When we study the Bible, there’s little doubt as to Jesus’ economic position. In common with Joseph, his paid work is as a tekton – a word that can be read both as carpenter and low paid labourer on construction sites. Later in life Jesus recalls having been hungry, thirsty and in need of clothes. His mother Mary describes herself as a servant-girl. We learn something about her beliefs when she describes God as one who brings down rulers from their thrones, lifts up the humble, fills the hungry with good things and sends the rich away empty. 

Jesus’ first major speech begins “Blessed are the poor” to whom the Kingdom of Heaven belongs. Translating directly from Aramaic into English, Palestinian priest Elias Chacour points out that in Jesus’ native language the word rendered into English as ‘blessed’ means something like ‘get up, go ahead, do something, move’. Today perhaps he’d say “Rise up and take action, fellow people of the working class: the revolution is yours”. 

The first recruits to Jesus’ team are fishermen who lack formal education. Matthew is something akin to a bailiff, collecting taxes to be sent back to Rome. Like Jesus’ mother, Joanna is part of a servant family, albeit one earning enough to donate some money to the movement. Others in the movement are rumoured to be sex-workers. 

It’s notable that while Jesus critiques the system, he doesn’t blame working class people for the jobs that they do and declares that prostitutes and tax collectors would enter the Kingdom of God long before rich lawyers and priests. Meanwhile he describes the rich as a “brood of vipers” who are “full of greed and self-indulgence”. When a privileged man asks to join the movement, Jesus tells him to sell all he owns and give it to the poor. When he doesn’t, Jesus tells his followers that it’s easier for a camel to pass through the eye of a needle than it is for a rich man to enter the Kingdom of God. 

There’s also a realistic assessment of how difficult winning this change will be. One of Jesus’ last parables tells of a servant who stands up to his boss and refuses to be complicit in making unearned wealth for his cruel master. For this he is thrown out into obscurity. Sometimes in rich countries preachers have suggested that the master in the story represents God and the servant is to blame for his poverty. Increasingly though, especially in the Global South, Christians are seeing it from the servant’s perspective. 

After Jesus’ crucifixion (a punishment reserved for rebels), the struggle continues led by James, Jesus’ brother. The New Testament letter that carries his name – possibly a transcription of a sermon (or sermons) he made – is full of challenge to wealth and power: “Your riches have rotted and your garments are moth-eaten. Your gold and silver have corroded, and their corrosion will be evidence against you”, “the wages of the laborers who mowed your fields, which you kept back by fraud, are crying out against you”, “the rich will fade away”. To communities who perpetuate inequality by giving a good seat to rich visitors while telling poor visitors to sit on the floor, James asks a series of rhetorical questions: “doesn’t this show your judgments are led by evil motives? Hasn’t God chosen the poor to inherit the Kingdom? Isn’t it the rich who oppress and slander you?”  

The movement in Jerusalem that followed James were called the Ebionites which translates into English as ‘the poor’. As proudly working-class Bible scholar Alan Saxby points out, this raises some tantalising possibilities. When Jesus says ‘blessed are the poor’ could he be talking about an organised working-class political movement? When he suggests the rich man gives all his money to ‘the poor’ did he mean he should donate it to the struggle? And when James says ‘the poor’ will inherit the Kingdom is he making a revolutionary declaration?  

It’s impossible to be certain in our answers to these questions, but there are some things we can be sure of: When Jesus describes what the Kingdom is like he depicts labourers earning an equal wage, people’s debts being cancelled, and the first being last and the last being first. In the light of such a vision, the words “your Kingdom come”, recited in churches around the world, have profoundly radical implications. 

At his trial Jesus said “my Kingdom is not of this world”. Some have understood this to mean that it exists only on a celestial plane. That’s not how I read it though. I hear it echoed in a cry that brings hope all around world: 

“Another world is possible, another world is necessary, another world is coming”.   

Tim Gee is the author of three books about social change. His fourth book ‘Open for Liberation: An Activist Reads the Bible’ will be published in late 2021.

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Stoccaggio di CO2 in fondo all’Adriatico, l’istanza di ENI è da rimandare al mittente

Stoccaggio di CO2 in fondo all’Adriatico, l’istanza di ENI è da rimandare al mittente

Se Eni fa il suo lavoro, il Ministero della Transizione Ecologica faccia altrettanto rigettando l’istanza del Cane a 6 zampe, riguardante un progetto sperimentale di stoccaggio geologico di CO2 nella concessione A.C. 26 E.A. al largo di Ravenna: il primo passo di un’operazione più ambiziosa con cui Eni punta a stivare in fondo ai nostri mari 500 milioni di tonnellate di anidride carbonica.

Di fronte a questo nuovo atto, non serve fare dietrologia dicendo, ad esempio, che tutto sembra essere stato pianificato con cura da tempo, fin dall’approvazione, avvenuta nel febbraio 2019, delle Linee Guida sul decommissioning delle piattaforme. Ma giova ricordarlo a quanti, attraversando l’intero arco delle forze rappresentate in Parlamento, hanno sostenuto gli ultimi tre Governi.

La cosa si è fatta sempre più evidente nel corso della scrittura delle diverse versioni del PNRR, in cui ENI ha esercitato il massimo della pressione possibile per accaparrarsi fondi pubblici per prolungare il ciclo di vita dei suoi pozzi, per offrire una comoda scappatoia ai maggiori killer del clima (soprattutto centrali termoelettriche su tutti e raffinerie) e per allontanare lo spettro del decommissioning delle piattaforme, il cui costo è stato stimato dal ROCA di Ravenna dai 15 ai 30 milioni di euro per singola concessione, a seconda delle concessioni.

Di recente ci ha pensato la Commissione U.E. a cassare la proposta di PNRR italiano proprio in quelle parti in cui veniva affacciata l’ipotesi di produrre, con fondi pubblici, idrogeno da metano con connessa cattura e stoccaggio di CO2. La Commissione ha detto quindi “no” a progetti che si avvalgono di sistemi CCS ma Eni non demorde e quindi ora rilancia scrivendo a Cingolani che sull’ipotesi di stoccare CO2 a Ravenna finora è rimasto sul vago (“Spero che non ce ne sia bisogno. Se saremo bravi a fare le rinnovabili, forse non dovremo farlo … La CO2 da qualche parte va sotterrata e l’Italia ha un problema rispetto agli altri paesi: siccome gli studi dimostrano che va valutato attentamente il rischio sismico, visto che va messo dentro i giacimenti esausti”).

Trovata la porta sbarrata dalla Commissione U.E., l’anidride carbonica tenta di rientrare dalla finestra, traslocando dall’atmosfera per andare a nascondersi sotto questo moderno “tappeto” delle filiere fossili.

Il MITE dispone di tutti gli elementi che la scienza ha messo a disposizione in anni ed anni di studi sull’impatto dello stoccaggio di CO2, quanto basta per rigettare l’istanza. Il gruppo di studio di “ENERGIAPERLITALIA”, coordinato dal Prof. Vincenzo Balzani, ha fornito motivi a iosa per rispedire al mittente tutti i nuovi progetti di CCS: “… Lo stoccaggio di CO2, come hanno dimostrato analoghe attività in altre aree, potrebbe provocare un progressivo incremento della sismicità; cosa molto pericolosa nel territorio ravennate, che già presenta un rischio sismico medio-alto ed è soggetto a significativi fenomeni di subsidenza .… La letteratura scientifica è scettica sulla possibilità che si possa immagazzinare permanentemente CO2 … ecc.).

Ma le strade del MITE sono infinite -si sa- e portano sempre al Cane a 6 zampe.

Coordinamento Nazionale No Triv

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Meeting Minutes

In questa data nel 1539 (8 luglio), Jan Jansz van den Berg è stato giustiziato (probabilmente per decapitazione) ad #Amsterdam, Olanda. Era un #Anabattista, di Kleve, Germania (circa 125 chilometri a sud-est). L ‘ anno prima, nel 1538, era stato ricostruito a Delft da Claes ′′ con la mano zoppa.” Vedi lo specchio dei martiri, p. 766. (foto: Piazza della Diga, Amsterdam. )

Nessuna descrizione della foto disponibile.

IL CORTOMETRAGGIO “IL NOSTRO NOME E’ ANNA” E’ IN SELEZIONE UFFICIALE AL SOCIAL WORLD FILM FESTIVAL!
Un’altra grande soddisfazione per il cortometraggio “Il nostro nome è Anna”, che questa volta è stato selezionato al Social Film Festival.
Tutto ciò mi riempie di forza, felicità e speranza.
Perchè attraverso la storia di Anna vogliamo ricordare quanto sia importante prendere le nostre scelte e aiutare il prossimo, abbattendo così ogni forma di indifferenza.
Grazie di cuore a tutte le persone meravigliose che ne fanno parte e a chiunque ogni giorno cammina al nostro fianco.
Uniti, per non dimenticare. Uniti, per rispondere oggi all’odio con il bene.
Regia: Mattia Mura
Distribuzione: Siberia Distribution
Produttori: Studio Emme di Sergio e Sara Martinelli e Helix Pictures di Ottavio Mura
Soggetto: Federica Pannocchia
Sceneggiatori: Cristiana Bertolotti, Mattia Mura, Federica Pannocchia
Supervisione contenuti: Associazione di volontariato Un ponte per Anne Frank
Attori Principali: LUDOVICA NASTI Serena Bilanceri Adelmo Togliani Licia Amendola Claudio Mazzenga
Coach attori: Leonardo Sartogo

Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo

In questa data, nel 1928 (8 luglio), moriva Crystal Eastman. (Nata il 25 giugno 1881.) Pacifista. Femminista. Suffragista. Socialista. Avvocatessa. Giornalista. Avvocatessa della libertà di parola. Sua madre e suo padre erano ministri congregazionalisti e femministe ardenti. Crystal è stata co-fondatore e co-editore (con il fratello Max Eastman) della rivista radical ′′ The Liberator.” (Fu in questo periodo che gli Eastmans lavoravano e socializzavano con un giovane Dorothy Day. )Crystal ha aiutato a fondare il Partito per la pace femminile, che in seguito è diventato la Lega Internazionale femminile per la pace e la libertà (WILPF). È stata direttrice esecutiva dell’American Union contro il Militarismo (che ha fatto pressione contro la fabbricazione di armi e la coscrizione militare). Ha aiutato a fondare l’American Civil Liberties Union (ACLU), organizzata inizialmente per proteggere gli obiettori di coscienza durante la prima guerra mondiale.Nata a Marlborough, Massachusetts. Morta a Erie, Pennsylvania. Seppellita al cimitero di Woodlawn, Canandaigua (Contea dell’Ontario), New York.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante albero, attività all'aperto e il seguente testo "WOODLAWN"

Buon compleanno, Ella Reeve ′′ Madre ′′ Bloor (1862 luglio 1862-Aug. 10, 1951). Femminista. Suffragista. Socialista. Più tardi una comunista. Organizzatrice del lavoro. Nei suoi primi anni, è stata un’attivista dell’Unione Temperanza Cristiana della Donna. Nel 1938 è stata candidata al Partito Comunista alla carica di governatore della Pennsylvania. La sua autobiografia ′′ We Are Many ′′ è stata pubblicata nel 1940. a Staten Island, New York. Morta a Richlandtown, Pennsylvania. Seppellita al cimitero di Harleigh, Camden, New Jersey.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona

Tra la fine degli anni ‘ 1960 e l’inizio degli anni ‘ gli attivisti latino hanno occupato edifici religiosi in tutto il paese come modo per riprendere il controllo delle loro comunità e richiamare l’attenzione sulla povertà dei residenti locali, sulla mancanza di opportunità educative e sullo spostamento in mezzo alla rivitalizzazione progetti che hanno fatto un high-up affitti.In un libro pubblicato di recente, lo storico Texas A & M Felipe Hinojosa dà a questo piccolo movimento un nuovo aspetto, concentrandosi su quattro città – Chicago, Los Angeles, New York e Houston – dove questi ′′ apostoli del cambiamento ′′ come Hinojosa chiama entrambi i gruppi e il suo libro, chiese abitate per mostrare il ′′ potere della chiesa nei quartieri del paese.”A questi attivisti, note di Hinojosa, il controllo della comunità inizia con le istituzioni le persone ′′ percepiscono essere le più sacre.” Gli attivisti latini hanno usato questi spazi per ospitare cliniche sanitarie, programmi per la colazione, e corsi di arte e storia. Hanno usato i terreni per organizzarsi, oltre che per sollecitare chiese e istituzioni a sfruttare la loro ricchezza e il loro potere per aiutare i vicini.

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

4-day week in Iceland: Almost 9 out of 10 Icelanders are entitled to work shorter hours

08.07.2021 – Iceland – scoop.me

4-day week in Iceland: Almost 9 out of 10 Icelanders are entitled to work shorter hours
(Image by Evelyn Paris on Unsplash)

Iceland has undertaken the largest trial of a 4-day-week, globally. It has been such an outstanding success that 86 percent of Iceland’s employees have either already adopted it, or at least have the possibility of working shorter hours. This experiment has shown that working shorter hours while getting paid full wages is beneficial for both the employees, by improving their health, happiness, and productivity, as well as the employer, as it produces positive economic results and greater profits.

By Lena Krainz

One percent of Iceland’s employees worked shorter hours

In 2015, due to pressure from the public and the labour union, the government of Iceland and the municipal council of Reykjavík initiated the worldwide most extensive experiment on reduced working hours. Over the period of four years 2.500 employees from 100 enterprises worked an average of 35 to 36 hours instead of 40 hours, while getting paid in full. This trial was extremely successful, leading to a change in work-time regulations.

This trial included over one percent of Iceland’s labour force, working in various occupational groups. Childcare and nursing homes were as much part of the experiment as hospitals, schools, service centres, or public/municipal administration offices. Moreover, this also involved “nine to five”- jobs as well as shift-work. After two years of academic research and evaluation of results, it became clear that a reduction of working hours is not only possible, but beneficial to all.

Gudmundur Haraldsson, researcher of the British think tank ALDA (European Association for Local Democracy), states that: “the Icelandic shorter working week journey tells us that not only is it possible to work less in modern times, but that progressive change is possible too.”

4-day-week increases happiness, health, and productivity

It was identified that employees with reduced workhours experienced less stress and the risk of burnouts decreased. They felt happier, were able to spend more time on recreational activities, housekeeping, hobbies, be more active and spend extra time with their family. All of this did not interfere with the quality or productivity of their work. On the contrary, in most cases, they performed equally as well, or better and got things done quicker.

This can be attributed to the fact that employees are more focused and efficient. The government and municipal administration did not have additional expenses, as the trial was cost-neutral.

Will Stronge, research director at Autonomy – a think tank investigating the Icelandic experiment, states in summary: “This study shows that the world’s largest ever trial of a shorter working week in the public sector was an overwhelming success and it shows that the public sector is ready for being a pioneer of shorter working weeks – and lessons can be learned for other governments.”

Iceland as a model for other countries

More and more countries are open to experimenting and testing shorter workhours. Spain announced a similar country-wide trial of a 4-day-week in spring. Up to 6.000 workers will participate over a three-year period. Companies in New Zealand and East-Tyrol have also reported their successful attempts.

The Icelandic study has already had a considerable impact. Since the end of the trial, many labour unions have negotiated new work-time regulations. 86 percent of their workforce are working reduced hours or at least have the possibility of doing so.

“A shorter work-week is the future, there is no going back” says a participant of the study.

 The original article can be found on our partner’s website here

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Etiopia: chiediamo indagine su uccisione operatori nel Tigray e sicurezza per gli operatori umanitari 

 

07.07.2021 – Medecins sans Frontieres

Etiopia: chiediamo indagine su uccisione operatori nel Tigray e sicurezza per gli operatori umanitari 
(Foto di MSF)

In seguito alla brutale uccisione di tre operatori nel Tigray, in Etiopia, avvenuta lo scorso 24 giugno, Medici Senza Frontiere (MSF) chiede l’avvio immediato di un’indagine e la garanzia per lo staff nell’area di poter operare in sicurezza. MSF annuncia inoltre di essere costretta a sospendere temporaneamente le attività ad Abi Adi, Adigrat e Axum, nel Tigray centrale e orientale. Le équipe presenti nelle altre aree del Tigray continueranno invece con prudenza a fornire assistenza a persone in urgente stato di necessità.

“A quasi due settimane dall’uccisione dei nostri colleghi, nessuno ha fatto luce sulle responsabilità e le circostanze che hanno portato a queste morti” dichiara Teresa Sancristoval, direttrice delle operazioni di MSF. “Chiediamo un’immediata indagine da parte delle autorità competenti per chiarire la dinamica dell’incidente e fornirci un resoconto dettagliato di quanto accaduto. In questo momento terribile, abbiamo preso la dolorosa ma inevitabile decisione di sospendere le nostre attività in diverse aree del Tigray”.

I tre operatori uccisi indossavano vestititi e viaggiavano su un veicolo dove il simbolo di MSF era ben riconoscibile. Lavoravano nell’area da febbraio 2021, esclusivamente per fornire assistenza medico-umanitaria, in linea con quanto stabilito dal diritto umanitario internazionale e in dialogo e accordo con tutte le parti.

“L’omicidio dei nostri colleghi María, Tedros e Yohannes  è un tragico esempio del totale disprezzo per la vita umana che le nostre équipe testimoniano in questo conflitto” continua Sancristoval di MSF. “I livelli di violenza contro i civili e le atrocità commesse nel Tigray sono a dir poco scioccanti”.

Dall’inizio del conflitto nel Tigray nel novembre 2020, lo staff medico e gli operatori umanitari sono stati presi di mira e le strutture sanitarie e le ambulanze sono state saccheggiate, distrutte o utilizzate per scopi militari. I membri dello staff di MSF sono stati minacciati e picchiati e hanno testimoniato incursioni armate nelle strutture sanitarie supportate. Le azioni delle organizzazioni umanitarie, inclusa MSF, sono state ripetutamente minate da pubbliche dichiarazioni che hanno gettato ombre ingiustificate sulle loro attività, mettendo così in pericolo la sicurezza dello staff sul territorio.

“Affinché MSF e altre organizzazioni umanitarie possano continuare a operare nel Tigray e nel resto dell’Etiopia, tutte le parti coinvolte nel conflitto devono garantire che il loro lavoro venga svolto in condizioni sicure” continua Sancristoval di MSF. “Le parti in conflitto devono inoltre assumersi la responsabilità che incidenti come l’uccisione dei tre colleghi non si verifichino mai più. È indispensabile che gli operatori umanitari e lo staff medico riescano a condurre le proprie attività in un contesto di fiducia e supporto. Le organizzazioni umanitarie devono poter fornire assistenza, in modo indipendente e imparziale, secondo i bisogni delle persone”.

La sospensione delle attività di MSF nelle città di Abi Adi, Adigrat e Axum avrà importanti ripercussioni sulla popolazione del Tigray centrale. Negli ultimi sei mesi, i team di MSF in queste tre aree hanno fornito cure mediche di emergenza a 9.440 persone, svolgendo 763 interventi chirurgici salvavita e offrendo cure ospedaliere a oltre 3.000 pazienti. Hanno inoltre aiutato a partorire oltre 3.300 donne, svolto 365 parti cesarei di emergenza, fornito cure mediche a 335 vittime di violenza sessuale e supporto psicologico a 1.444 persone. Prima di sospendere le attività, i team di MSF hanno donato le attrezzature mediche all’Ufficio sanitario regionale del Tigray e agli ospedali, che rimangono sovraffollati a causa dell’elevato numero di persone che necessitano di cure.

“La decisione di sospendere le attività lascerà un vuoto in termini di assistenza salvavita” conclude Sancristoval. “Sappiamo che moltissimi pazienti non verranno curati e alcuni moriranno; sappiamo che quel poco che resta del sistema sanitario verrà schiacciato dal peso di questa situazione. I team di MSF devono poter rispondere ai bisogni delle comunità colpite dalla crisi fornendo assistenza umanitaria in condizioni di sicurezza”.

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Giudizio Universale: «Clima: ora lo Stato risponderà in tribunale»

07.07.2021 – Il Cambiamento

Giudizio Universale: «Clima: ora lo Stato risponderà in tribunale»

«Ora lo Stato dovrà rispondere davanti al tribunale per inadempienza climatica. Abbiamo impiegato oltre un anno a preparare la causa e ora l’iter è partito»: i promotori della causa Giudizio Universale rappresentano oltre duecento ricorrenti tra cittadini e associazioni e ora si attendono gli sviluppi.

«Ora lo Stato dovrà rispondere davanti in tribunale per inadempienza climatica. Abbiamo impiegato oltre un anno a preparare la causa e ora l’iter è partito»: i promotori della causa Giudizio Universale rappresentano oltre duecento ricorrenti tra cittadini e associazioni e ora si attendono gli sviluppi.

«Oggetto della causa è citare in giudizio lo Stato per inadempienza climatica, ovvero per l’insufficiente impegno nella promozione di adeguate politiche di riduzione delle emissioni clima-alteranti, cui consegue la violazione di numerosi diritti fondamentali riconosciuti dallo Stato italiano. L’azione legale è promossa nell’ambito della campagna di sensibilizzazione intitolata “Giudizio Universale” e si inserisce a pieno nel solco di altre “climate litigation” portate avanti in diversi paesi del mondo – spiegano i promotori – I ricorrenti sono assistiti da un team legale composto da avvocati e docenti universitari fondatori della rete di giuristi Legalità per il clima. A patrocinare la causa l’Avv. Luca Saltalamacchia, esperto di tutela dei diritti umani e ambientali e l’Avv. Raffaele Cesari, esperto di Diritto civile dell’ambiente, assieme al Prof. Michele Carducci, dell’Università del Salento, esperto di Diritto climatico».

Le premesse
«La premessa su cui si basa “Giudizio Universale” è che le acquisizioni scientifiche condivise, proprio perché non controverse, vincolano gli Stati e costituiscono un parametro di verifica della loro condotta, sia a livello internazionale che nazionale – proseguono i promotori – Le principali obbligazioni climatiche che lo Stato è tenuto ad osservare derivano da fonti internazionali, regionali e nazionali, tra cui spiccano per rilevanza:

-Accordi internazionali sul clima (tra cui UNFCCC – Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici del 1992 e Accordo di Parigi del 2015)
-Fonti internazionali e regionali sui diritti umani (tra cui CEDU, Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, artt. 2 e 8)
-Fonti dell’Unione Europea (tra cui TFUE art.191 e Regolamento UE n.2018/1999) Costituzione italiana (tra cui artt. 2 e 32)
-Altre fonti di rango nazionale (tra cui Codice Civile, artt. 2043 e 2051)».

«L’azione legale è indirizzata allo Stato italiano, attraverso un atto di citazione davanti al Tribunale Civile di Roma. La richiesta formulata dall’azione riguarda la condanna dello Stato a realizzare un drastico abbattimento delle emissioni di gas serra per il 2030, in modo da centrare l’obiettivo dell’Accordo di Parigi sul clima, in ordine al contenimento massimo del riscaldamento globale entro 1,5°C e ad ogni modo ben al di sotto dei 2°C a fine secolo – prosegue il team di Giudizio Universale – Nell’atto, si contesta la condotta illecita dello Stato, che non è riuscito a perseguire una politica climatica conforme alle acquisizioni scientifiche più avanzate. La causa legale non ha affatto un valore simbolico, ma mira ad ottenere un radicale cambiamento nelle politiche climatiche dello Stato, attraverso un deciso aumento delle ambizioni di riduzione e la garanzia di piena tutela dei diritti umani, in ottemperanza alle obbligazioni climatiche che lo Stato è tenuto a osservare per effetto della Costituzione, degli accordi internazionali e delle norme di rango nazionale».

I contenuti dell’atto di citazione
L’Atto di citazione nello specifico contiene:

-l’inquadramento dei problemi climatici e della grave e preoccupante condizione planetaria di emergenza climatica, accertata dalla comunità scientifica mondiale e dichiarata anche dalla UE e dall’Italia;
-la descrizione della specifica condizione di vulnerabilità e fragilità del territorio italiano;
-la disamina delle fonti giuridiche da cui derivano le obbligazioni climatiche, che lo Stato deve rispettare;
-il catalogo dei diritti fondamentali, a partire dal diritto umano al clima stabile e sicuro, altrimenti violati dall’emergenza climatica;
-l’inquadramento della responsabilità climatica dello Stato in base al Codice civile italiano;
le richieste al giudice.
Per approfondire i contenuti dell’atto di citazione scarica qui l’Abstract.

La vulnerabilità climatica dell’Italia
«L’Italia presenta una straordinaria vulnerabilità agli impatti dei cambiamenti climatici. I report ufficiali prevedono per il nostro paese aumenti delle temperature compresi tra +1.8°C e +3.1°C nel corso del secolo, una cifra che toccherebbe quota +3.5° / +5.4°C nei più catastrofici tra gli scenari ipotizzati. Con un aumento di temperatura medio globale di 3°C, circa il 50% della regione mediterranea sarebbe torchiata da periodi di siccità costante, anche per 5 o 6 mesi all’anno e l’Italia potrebbe letteralmente trasformarsi “in un deserto” – proseguono i promotori – Secondo il World Atlas of Desertification, le aree ad alto rischio di desertificazione interessano almeno il 20% del territorio italiano».

Le precipitazioni potrebbero ridursi del 30% entro la fine del secolo rispetto al 1971-2000, secondo lo scenario peggiore delineato dall’IPCC:

-Intere zone costiere sono a rischio scomparsa per via dell’innalzamento dei mari. Non solo Venezia e l’alto Adriatico, ma anche vaste aree di Abruzzo, Puglia (sull’Adriatico) e Toscana, Lazio, Campania, Sardegna e Sicilia (sul Tirreno) sono a rischio erosione costiera o a rischio inondazione.

-L’Italia è anche sempre più drammaticamente battuta da eventi estremi. In dieci anni sono stati 946 gli eventi estremi che hanno interessato 507 Comuni diversi. Secondo il Climate Risk Index 2020, pubblicato annualmente dalla ong tedesca Germanwatch, che prende in considerazione il periodo 2000-2019, l’Italia è al 22° posto per vulnerabilità climatica e addirittura al 6° per numero di morti registrati in eventi climatici estremi.

-Le evidenze scientifiche che sostengono le argomentazioni dell’azione legale si riferiscono ai più aggiornati dati disponibili, provenienti da fonti nazionali e internazionali; integrati da due report commissionati dai ricorrenti a uno dei maggiori centri internazionali di studi climatici: Climate Analytics, organizzazione internazionale indipendente di ricerca sul cambiamento climatico. Climate Analytics ha prodotto due Rapporti, allegati all’atto di citazione, in tema di impatti climatici in Italia e di trend di riduzione e scenari emissivi relativi all’Italia.

Scarica il report di Climate Analytics “Climate Impacts in Italy

Scarica l’Abstract del report di Climate Analytics “Gli obiettivi e le politiche climatiche dell’Italia in relazione all’Accordo di Parigi e alle considerazioni di equità globale

Le richieste avanzate al giudice
L’obiettivo dell’iniziativa legale consiste nel chiedere al Tribunale civile una pronuncia che imponga l’adozione di decisioni statali di riduzione delle emissioni di gas serra, in grado di rendere definitiva la stabilità climatica e contestualmente garantire la tutela effettiva dei diritti umani per le presenti e future generazioni, in conformità con il dovere costituzionale di solidarietà e con quello internazionale di equità tra gli Stati.

Le principali richieste specifiche avanzate dai ricorrenti al giudice sono:

-dichiarare che lo Stato italiano è responsabile di inadempienza nel contrasto all’emergenza climatica;
-condannare lo Stato a ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 92% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990.
Questa percentuale è calcolata tenendo conto delle responsabilità storiche dell’Italia nelle emissioni clima-alteranti e delle capacità tecnologiche e finanziarie attuali; in conformità ai principi di equità e di responsabilità comuni ma differenziate che caratterizzano il diritto climatico.

Questi principi sono di massimo rilievo nel calcolo del “giusto contributo”  di riduzione (cosiddetto Fair share) che ogni Stato è tenuto a garantire per contribuire in maniera equa al raggiungimento dell’obiettivo dell’Accordo di Parigi .

Le climate litigations come strumento per la giustizia climatica
L’iniziativa italiana si inserisce in uno scenario europeo e globale in cui cittadini e cittadine, giovani, famiglie e associazioni ricorrono sempre più spesso al potere giudiziario per tutelare i propri diritti e quelli delle generazioni future dall’emergenza climatica in uno dei momenti più drammatici dell’esistenza umana sulla terra.

Per approfondire i più rilevanti casi di litigation climatica a livello internazionale, leggi qui

 Qui l’articolo originale sul sito del nostro partner

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Assassinato il presidente haitiano Jovenel Möise

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

Assassinato il presidente haitiano Jovenel Möise
(Foto di bit.ly)

In una breve dichiarazione ufficiale, il primo ministro haitiano Claude Joseph ha annunciato l’assassinio del presidente Jovenel Möise da parte di uomini armati che sono entrati nella sua residenza.

All’una di notte del 7 luglio un gruppo di persone non identificate che parlavano in spagnolo e in inglese ha assassinato il presidente della Repubblica. Il presidente è morto per le ferite riportate”, ha annunciato il primo ministro ad interim poche ore fa. E’ di pochi minuti fa la notizia che anche la moglie di Möise è deceduta a seguito dell’attacco armato.

Il paese caraibico sta vivendo da tempo un’escalation di violenza, mentre mancano due mesi alle elezioni generali, previste per il 26 settembre.

Möise aveva assunto la presidenza nel febbraio 2017 e durante questo periodo le proteste, le accuse di corruzione e la diffusione di bande criminali soprattutto a Port-au-Prince erano diventati problemi permanenti, aggravati dalla decisione…

View original post 10 altre parole

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Assassinato il presidente haitiano Jovenel Möise

Assassinato il presidente haitiano Jovenel Möise
(Foto di bit.ly)

In una breve dichiarazione ufficiale, il primo ministro haitiano Claude Joseph ha annunciato l’assassinio del presidente Jovenel Möise da parte di uomini armati che sono entrati nella sua residenza.

All’una di notte del 7 luglio un gruppo di persone non identificate che parlavano in spagnolo e in inglese ha assassinato il presidente della Repubblica. Il presidente è morto per le ferite riportate”, ha annunciato il primo ministro ad interim poche ore fa. E’ di pochi minuti fa la notizia che anche la moglie di Möise è deceduta a seguito dell’attacco armato.

Il paese caraibico sta vivendo da tempo un’escalation di violenza, mentre mancano due mesi alle elezioni generali, previste per il 26 settembre.

Möise aveva assunto la presidenza nel febbraio 2017 e durante questo periodo le proteste, le accuse di corruzione e la diffusione di bande criminali soprattutto a Port-au-Prince erano diventati problemi permanenti, aggravati dalla decisione del presidente di prolungare di un anno il suo mandato.

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Barcellona ospiterà il Secondo Congresso Internazionale della Pace dal 15 al 17 ottobre 2021

Quest’articolo è disponibile anche in: Inglese

Barcellona ospiterà il Secondo Congresso Internazionale della Pace dal 15 al 17 ottobre 2021
(Foto di IPB)

Con il titolo “(Ri)immaginare il nostro mondo: Azione per la pace e la giustizia”, partecipanti da circa 70 paesi prenderanno parte all’incontro del movimento internazionale per la pace e di altri movimenti sociali, con noti attivisti ed esperti. L’International Peace Bureau (IPB) e l’Istituto Internazionale Catalano per la Pace (ICIP) sono i principali organizzatori.

Il congresso avrà un formato ibrido, con attività in presenza, conferenze, workshop ed eventi culturali – la maggior parte dei quali si terrà presso il CCCB (Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona) – ma anche con la possibilità di seguire molti di essi online.

L’obiettivo principale del congresso è quello di rafforzare il pacifismo internazionale e il lavoro per la pace, offrire un punto d’incontro per diversi attori, ridefinire l’azione per la pace e, come dice il suo slogan, ri-immaginare il mondo attraverso il prisma di una cultura di pace.

Secondo il co-presidente dell’IPB, Philip Jennings, il congresso mira ad essere il più grande raduno di attivisti per la pace del 2021, che le Nazioni Unite hanno dichiarato l’anno internazionale della pace e della fiducia.

“È anche un grande anno per l’IPB, poiché celebriamo il nostro 130° anniversario e ci avviciniamo al 40° anniversario del rapporto Olof Palme sulla sicurezza comune; è giunto il momento di sviluppare un nuovo progetto per la sopravvivenza comune”, ha aggiunto Jennings.

“Il Congresso mondiale della pace dell’IPB a Barcellona permetterà a molti di noi di incontrarsi di

persona per la prima volta in quasi due anni. Fare rete tra le attività per la pace e il disarmo in diversi paesi e regioni è la nostra principale risorsa”, ha dichiarato Lisa Clark, co-presidente dell’IPB.

Il congresso cerca di promuovere sinergie tra organizzazioni e individui e tra movimenti sociali interconnessi che lottano per la giustizia globale: sostenitori della pace e del disarmo, femministe e attivisti LGBTQIA+, ambientalisti e attivisti per il clima, antirazzisti e popoli indigeni, difensori dei diritti umani e sindacalisti.

Durante i tre giorni del congresso interverranno più di trenta oratori. Tra i nomi di spicco figurano Noam Chomsky, Martin Chungong, Jeremy Corbyn, Beatrice Fihn, Wada Masako, Vandana Shiva e Jody Williams.

Un congresso con una lunga storia

Il primo congresso della pace della storia si è tenuto nel 1843 a Londra, poi a Parigi nel 1889 e a Roma nel 1891, quando fu creato l’IPB.

Nel 2016, il congresso mondiale è tornato con l’idea di inserire il disarmo nell’agenda globale. Il primo congresso di questa nuova tappa si è svolto a Berlino e ora, cinque anni dopo, la sua continuazione si terrà a Barcellona.

L’IPB ha sede a Berlino e uffici nella capitale catalana e a Ginevra.

“Barcellona è una città di pace, una delle poche al mondo con un impegno organizzato e con risorse dedicate alla sua promozione. Ha aperto le braccia all’IPB e sia la città che la regione hanno avuto un ruolo attivo nella preparazione del congresso”, ha dichiarato Jennings.

La città è la sede di uno degli animatori del congresso, il Centro Delàs, membro dell’IPB e promotore di pace, ricerca e campagne a livello regionale e globale, tra cui la Campagna Globale sulle Spese Militari (GCOMS).

Il co-organizzatore del Congresso di Barcellona è l’ICIP, un’organizzazione di ricerca, diffusione

e azione creata dal Parlamento della Catalogna nel 2007 per promuovere la pace nella società catalana e a livello internazionale e far sì che la Catalogna svolga un ruolo attivo come agente di pace nel mondo.

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare Sean Conner (sean.conner@ipb-office.berlin o +49 176 5688 5567).

Link per scaricare fotografie, video o altro materiale: https://trello.com/b/MPBI8oQZ/wpc2021

È possibile scaricare la bozza del programma qui.

1 Commento

Archiviato in Uncategorized