Archivi tag: Torino

Progetto 2009: Facebook

Cerchiamo una persona che gestisca i rapporti amicali di Ecumenici (sostenitori anche nel 2009 di www.MLP.org  e di www.associazione31ottobre.it  ) su Facebook attraverso un gruppo internazionale, che basa la propria comunicazione sulla lingua inglese.

Trattasi di un impegno settimanale molto stimolante che lo vedrà coinvolto con gli aderenti ad associazioni amiche in Olanda, in Germania e negli States. Persone che offriranno un punto di vista molto differente dal contesto conservatore italiano.

Si tratta di costituire una ragnatela di relazioni dall’Olanda agli USA per scardinare gli stereotipi e creare una comunità fuori dal provincialismo e dai condizionamenti interni. Non siamo un gruppo politico ma cerchiamo di elaborare una teologia politica per la pace, la giustizia e la salvaguardia del creato. Siamo rigorosamente contro la violenza, da qualsiasi parte essa provenga. Non siamo sionisti o antisionisti. Se dovessimo guardare alle radici socialiste del sionismo non esiteremo a schierarci in suo favore. Ma le cose oggi non stanno esattamente come lo erano in origine del movimento.

Siamo semplicemente cristiani in dialogo.

 

Ospitalità:

——————————————————————————–

INTERDEPENDENCE newsletter

Se gli altri esseri sono separati da me, sarà legittima la mia indifferenza per la loro sorte; ma se essi sono inseparabili da me come io da loro, se la mia stessa identità è formata dal tessuto delle relazioni in cui sono coinvolto, allora ogni autentica cura verso me stesso coincide con l’agire responsabile nel contesto che mi comprende.

———————————————-

Da alcuni anni negli Stati Uniti il terzo lunedì del mese di gennaio, in prossimità dell’anniversario della nascita di Martin Luther King, si celebra il Martin Luther King Day. Quest’anno, a Torino, per la prima volta sarà celebrato in Italia e la ricorrenza ha un significato eccezionale, essendo il 19 gennaio la vigilia dell’insediamento di Obama alla presidenza degli Stati Uniti.Il sogno del pastore King prende forma nel modo più straordinario, e gli uomini e le donne di ogni continente hanno in quel sogno il fondamento di un futuro comune. Le immagini di morte che ossessivamente in questi giorni si sono riversate da Gaza sono invece un incubo da cui vogliamo uscire. Occorre saper voltare pagina, cercare vie nuove, uscire dalla spirale dell’odio e della paura. Possa un più lungimirante senso di responsabilità e di giustizia guidare coloro che reggono le sorti del mondo.

www.interdependence.it

Commenti disabilitati su Progetto 2009: Facebook

Archiviato in Giovani

Il Gandhiday a Torino

TORINO 2 OTTOBRE

PALAZZO LASCARIS, CONSIGLIO REGIONALE DEL PIEMONTE,

SALA VIGLIONE ORE 17,30

GANDHIDAY
GIORNATA MONDIALE DELLA NONVIOLENZA
 

   Il 2 ottobre, anniversario della nascita del Mahatma Gandhi, è stato recentemente dichiarato dalle Nazioni Unite Giornata Mondiale della Nonviolenza.

   In un secolo come quello da poco trascorso, più di ogni altro segnato dallo scatenarsi di terrificanti potenze distruttive, la figura di Gandhi è un esempio luminoso di quanto può fare l’uomo per amore della verità, della giustizia e della pace. Cittadino a pieno titolo della comunità degli uomini giusti e santi, che in ogni tempo e cultura hanno offerto se stessi in dono ai loro simili, egli ha dunque meritato di diventare il simbolo di una via in cui l’umanità ripone le sue speranze più profonde.

   Anche il nuovo secolo si è aperto con l’incubo di nuove distruzioni, e tutt’oggi l’inquietudine si rinnova. In questi giorni in India, nella patria stessa di Gandhi, le violenze dei fondamentalisti indù contro i cristiani hanno fatto percepire il lato oscuro che ogni cultura porta in sé, contro il quale è chiamata a fare argine.

   In un mondo sempre più interdipendente, le tensioni che lo scuotono mostrano dunque l’urgenza di riferimenti unificanti e condivisi, a cui le decisioni politiche possano ispirarsi. La nonviolenza, o meglio ciò che Gandhi intendeva con satyagraha, cioè forza della verità, può essere il primo di questi riferimenti.

   Possa il riferimento a Gandhi essere fonte d’ispirazione per l’umanità odierna.

 

Intervengono:

Mariacristina Spinosa e Giampiero Leo, Consiglio Regionale del Piemonte

Bruno Mellano, presidente del Partito Radicale Nonviolento

Don Aldo Bertinetti, sacerdote diocesano

Giuseppe Platone, pastore valdese

Elvio Arancio, European Muslim Network

Ven. Lobsang Sanghye, monaco buddhista

Svamini Hamsananda Giri, monaca induista

Moderatore:

Claudio Torrero, associazione Interdependence

La Comunità Ebraica di Torino aderisce all’iniziativa, pur non intervenendo a causa della concomitanza con le celebrazioni del capodanno ebraico.

Commenti disabilitati su Il Gandhiday a Torino

Archiviato in Pace