Archivi tag: Turchia

Messaggio all’Ambasciata turca, all’Ufficio cultura e informazione

Segnaliamo che il sito fondamentalista evangelico http://www.icn-news.com/ in cui hanno ampio spazio anche valdesi, luterani, e altre chiese storiche protestanti sta diffondendo la propaganda di guerra di un sito politico. Condanniamo l’uso strumentale dei mezzi d’informazione cristiana ai fini della propaganda e ribadiamo che le chiese dovrebbero essere strumento di pace e di riconciliazione, non causa di conflitti ulteriori. I morti e i feriti dei giorni scorsi non verranno da noi dimenticati.

 

Inviate i vostri messaggi  di solidarietà anche a turchia@turchia.it

 

Ecumenici www.ecumenici.eu esprime al popolo turco e alle sue Istituzioni la piena solidarietà per l’attacco militare israeliano subito in acque internazionali da nave battente bandiera turca e  avente aiuti umanitari per il popolo di Gaza. Noi come cristiani per il dialogo fra le religioni auspichiamo che le ragioni della speranza non cessino con questo atto di guerra sconsiderato e inaccettabile. Desideriamo con Voi e insieme a Voi la costruzione di una società semplicemente umana, senza aggettivi di sorta, rispettosa quindi delle diversità culturali, religiose, nazionali, che sono patrimonio dell’Europa e dell’umanità intera.

Preghiera degli uomini

(Antonio Blunda)

 

Signore,

proteggi mio fratello

con la più grande ragione

di questo Tuo Universo.

Proteggi il nostro cuore

con la ragione silente

che commuove e spezza

qualunque pietra.

Tra mille anni

 o tra un giorno

quel giorno è uguale

come l’acqua del fiume

I suoi occhi, e i miei

sorridono dello stesso conforto

Tutto, e ovunque

avrà avuto lo stesso significato

Se guarderemo indietro

Sarà per spendere un fiore

e ritrovare soltanto

i nostri passi insieme

su questa ruvida terra.

Alcuni messaggi ricevuti dai nostri lettori:

Ho molti amici in turchia e questo paese, che amo per i sui profumi, per le sue contraddizioni, per l’affetto che mi è stato donato, merita pace ma soprattutto giustizia come i deportati ed esiliati di Palestina o dei morti che camminano della striscia di Gaza. L’orrore dovrebbe far riflettere e tracciare nuove vie ma a quanto pare non sempre è così. Un caro saluto
marcantonio lunardi

Sono indignato come cristiano per l’attacco contro flotta pacifista internazionale,ma grazie a Dio non tutti gli israeliani sono d’accordo con politica aggressiva del loro Governo. Guido Ghiani del Movimento Nonviolento da Nuoro

Dell’amica Angela Lano nessuna notizia
Davide Pelanda
[ 31 Maggio 2010 ] fonte: http://www.tempidifraternita.it

(ANSA) – TORINO, 31 MAG – C’e’ anche una giornalista di Torino su una nave del convoglio umanitario, diretto a Gaza, assaltato questa notte dalla marina militare israeliana. Angela Lano, 47 anni, era a bordo della ”8000 – Freedom for prisoners. Freedom for Gaza” con alcuni colleghi. ”Di lei – dicono adesso alla Infopal, l’agenzia di stampa on line di cui e’ direttore – non abbiamo notizie. L’ultima telefonata alle due: diceva ‘gli israeliani ci stanno intercettando’. Poi, il nulla”.(ANSA)

Angela Lano, giornalista torinese,è amica e collaboratrice di Tempi di Fraternità da molti anni. Proprio grazie alla nostra testata è potuta diventare giornalista-pubblicista. Chi scrive da anni la conosce molto bene e le sono molto amico.
Anche noi tutti della redazione di Tempi di Fraternità siamo costernati ed allo stesso tempo attoniti. E ci uniamo al dolore della famiglia con il comunicato qui sotto. Seguiremo la vicenda da vicino su questo sito.
Comunicato della famiglia di Angela Lano

Scritto il 2010-05-31 in News
Malgrado le varie agenzie stampa italiane ripetano che gli italiani sequestrati dalle autorità israeliane “stanno bene”, la famiglia di Angela Lano, direttrice di Infopal.it, informa che la Farnesina e l’Ambasciata d’Italia in Israele non sono in possesso di informazioni al riguardo.

I cittadini italiani a bordo della Freedom Flottilla sono pertanto “spariti” a tutti gli effetti.

Il porto di Ashdod, infatti, dove sono state condotte la navi della Freedom Flotilla, è stato dichiarato “zona militare” dalle autorità israeliane e nessuno può entrarvi, tanto meno i giornalisti.

Israele si rifiuta inoltre di fornire la nazionalità dei sequestrati, pertanto le stesse

Grazie per quello che state facendo. La Turchia è un paese che amo per molte ragioni. Non ultima che là ho dei fratelli e delle sorelle d’elezione. Mi auguro di poter sentire presto il racconto di questo episodio tremendo dalla voce di Angela Lano

Gentile Ambasciatore,

la presente per manifestare lo sdegno e la ferma condanna dell’Associazione Skanderbeg della comunità albanese del territorio metropolitano di Bologna e mio personale, per il criminale attacco subito dalla nave battente bandiera Turca, da parte delle forze armate dello stato di Israele.

L’attacco alla nave Turca, carica di generi di prima necessità, farmaci ed ausili ortopedici, che ha causato molti morti e feriti tra gli accompagnatori, in spregio alle più elementari norme internazionali, si inquadra nelle azioni di mantenimento nell’altrettanto criminale embargo che da anni viene mantenuto a danno della popolazione civile palestinese abitante nel territorio di Gaza.

Certi che la Turchia saprà prendere le misure appropriate per rispondere a questa orrenda provocazione, inviamo con la presente la solidarietà dell’Associazione Skanderbeg ed assieme l’umana vicinanza ai parenti dei morti ed ai feriti impegnati in una così alta e nobile causa.

Distinti saluti

Presidente

Giuseppe Chimisso

Associazione Skanderbeg di Bologna

Annunci

Commenti disabilitati su Messaggio all’Ambasciata turca, all’Ufficio cultura e informazione

Archiviato in Dialogo inter religioso

Cambia te stesso per cambiare il mondo

Non importo chi tu sia:

uomo o donna

vecchio o fanciullo,

operaio o contadino,

soldato o studente o commerciante;

non importa quale sia

il tuo credo politico

o quello religioso;

se ti chiedono qual è la cosa

più importante per l’umanità

rispondi: prima

dopo

sempre la pace!

(Li Tien Min)

 

Per il cessate il fuoco immediato nella striscia di Gaza!

VEGLIA ECUMENICA DI PREGHIERA

 

E’ una bestemmia dire che la nonviolenza possa essere praticata solo dagli individui e mai dalle nazioni, che sono composte di individui

(Gandi, Harijan – 12 novembre 1938)

 

Se viene la guerra

Se viene la guerra
non partirò soldato.

Ma di nuovo gli usati treni
porteranno i giovani soldati
lontano a morire dalle madri.

Se viene la guerra
non partirò soldato.

Sarò traditore
della vana patria.

Mi farò fucilare
come disertore.

Mia nonna da ragazzino
mi raccontava:
“Tu non eri ancora nato. Tua madre
ti aspettava. Io già pensavo
dentro il rifugio osceno
ma caldo di tanti corpi, gli uni
agli altri stretti, come tanti
apparenti fratelli, alle favole
che avrebbero portato il sonno
a te, che, Dio non voglia!,
non veda più guerre”.

Dario Bellezza
(1944 – 1996)

 

In un sermone di Natale sulla pace, nella chiesa battista Ebenezer di Atlanta, 1967 –quattro mesi dopo King sarà ucciso- M L King predica sulla pace.  “Il nostro mondo è malato di guerra”, dice.  E proprio a causa di questa grave malattia King propone di studiare seriamente il significato della nonviolenza.  La sua predicazione diventa un corso di non violenza in quattro punti.

“Vorrei suggerire in primo luogo, dice King, che, se vogliamo avere pace sulla terra, le nostre fedeltà devono diventare ecumeniche… devono trascendere la razza, la nostra tribù, la nostra classe, la nostra nazione,e questo significa che dobbiamo elaborare una prospettiva mondiale”.  Qui ML King anticipa temi molto cari al movimento NEW GLOBAL.

“Nessun individuo può vivere da solo, continua King; nessuna nazione può vivere da sola; e qualora cercassimo di farlo, avremmo sempre più guerre nel mondo… Siamo tutti prigionieri di un’inevitabile rete di reciprocità, siamo legati in un unico tessuto del destino: quello che colpisce uno direttamente, colpisce tutti indirettamente.  Siamo fatti per vivere insieme a causa della struttura d’interdipendenza che lega la nostra realtà.  Vi siete mai soffermati a pensare che non potete andare al lavoro al mattino senza manifestare la vostra dipendenza dalla maggior parte del mondo?  Vi svegliate al mattino, andate nella stanza da bagno, e prendete in mano una spugna, che vi è stata data dall’abitante di un’isola del Pacifico.  Prendete una saponetta, e questa vi è stata data in mano da un francese; poi andate in cucina per bere il vostro caffè al mattino, e quello che vi viene versato nella tazza proviene da un sudamericano…”.  MLKing, grande predicatore, continua in questa riflessione sulla dipendenza mondiale e finisce dicendo: “Non avremo pace sulla terra finché non riconosceremo questo fatto fondamentale: la struttura della società è interdipendente”.

Il secondo punto della sua predicazione sulla non violenza è sui mezzi e sui fini.  Dice King: “…non avremo mai pace nel mondo finché gli uomini non riconosceranno dovunque che i fini non sono separati dai mezzi, perché i mezzi rappresentano l’ideale nel suo farsi e il fine nel suo evolversi, e alla fine non si potranno raggiungere buoni fini attraverso mezzi cattivi, perché i mezzi rappresentano il seme e il fine rappresenta l’albero[qui ci sarebbero interessanti spunti sulla nuova tendenza di far guerra al terrorismo usando mezzi cattivi per un fine buono, ma riascoltiamo King]… tutti i grandi geni militari del mondo hanno parlato di pace… i capi del mondo di oggi parlano con grande eloquenza della pace.  Ogni volta che lasciamo cadere una nostra bomba in Vietnam, il presidente Johnson parla con grande eloquenza della pace… essi parlano della pace come una meta lontana, come il fine da ricercare… ma la pace non è la meta lontana… ma è il mezzo attraverso il quale vi arriviamo.  Dobbiamo perseguire fini pacifici attraverso mezzi pacifici… mezzi distruttivi non potranno mai portare a fini costruttivi”.

Il terzo punto del sermone di King riguarda il fatto che l’idea non violenta si fonda sul carattere sacro di ogni vita umana.  Dice King: “Un giorno qualcuno dovrà ricordarci che, anche se posso esserci differenze, i vietnamiti sono nostri fratelli, i russi sono nostri fratelli e i cinesi sono nostri fratelli: e un giorno dovremo sederci insieme alla tavola della fraternità”.  Qui si comprende quanto sia legato alla sua fede ci credente anche la sua scelta non violenta.  Ma è un punto che possiamo approfondire in seguito.  Riascoltiamo King: “Non abbandoneremo mai il nostro privilegio di amare.  Ho visto troppo odio per voler odiare io stesso… In qualche modo dobbiamo essere capaci di stare saldi di fronte ai nostri più accaniti avversari e dir loro: “Noi contrapporremo alla vostra capacità di infliggere la sofferenza la nostra capacità di sopportare la sofferenza… Fateci quel che volete, e non cesseremo di amarvi [leggevo in questi giorni il Diario di Ety Hillesum e aveva annotato queste parole: ogni atomo di odio che si aggiunge al mondo lo rende ancora più inospitale]…gettateci in prigione, dice King, noi continueremo ad amarvi; bombardate le nostre case e minacciate i nostri bambini e noi continueremo ad amarvi; … vi stancheremo con la nostra capacità di soffrire e non conquisteremo la libertà solo per noi stessi ma anche per voi”.  E’ chiaro come in queste parole emerge tutta la strategia non violenta che King e il movimento desegregazionista ha utilizzato.

Al quarto punto della sua predicazione MLK mette in conto anche la delusione e la difficoltà. Gli anni prima della sua uccisione sono molto difficili.  Anni duri, di crisi.  King dice che il sogno che aveva annunciato nel 1963 a Washington nel suo grande discorso, quel sogno “ho cominciato a vederlo trasformare in un incubo… Sì, sono personalmente vittima di sogni rinviati, di speranze deluse, ma nonostante questo io concludo oggi dicendo che ho ancora un sogno perché non si può rinunciare alla vita”.  MLK affida la sua stanchezza e le sue delusioni alla sua fede, al Cristo risorto: “La Pasqua ci ricorda, dice King, che la verità, frantumata a terra, risorgerà”.

Ho scelto questo messaggio di King perché riassume l’ampiezza della lotta per la pace di King.  Egli non è solamente preoccupato della desegregazione dei neri, ha un progetto ampio che riassumo brevemente i tre punti e un quarto che vi dirò alla fine a parte.

Il primo punto è la strategia non violenta: forme di protesta non violenta, una disciplina della non violenza che ha lo scopo, dice K, di creare nella mente del nero una nuova immagine di se stesso.  Una strategia, una disciplina, un metodo che è sì “passivo fisicamente, ma è fortemente attivo spiritualmente; non è aggressivo dal punto di vista fisico, ma dinamicamente aggressivo dal punto di vista spirituale”.  E’ un’alternativa alle sommosse violente, ma anche al male equivalente della passività.

Una strategia che si traduce praticamente nei boicottaggi degli autobus a Montgomery nel 1954;  nei sit-in di protesta nei ristoranti per soli bianchi a Greensboro nella Carolina del Nord (1960).  Nei viaggi della libertà, i freedom riders che, senza paura (lo spiritual: We are not afraid), attraversano le aree più calde del razzismo.  Oppure i Breadbasket, le borse della spesa (Chicago), il boicottaggio di quei negozi che attuavano discriminazioni salariali per i neri.  Le grandi manifestazioni massa utili a far sentire la pressione sul governo. 

Accanto alla strategia non violenta un’analisi attenta della situazione sociale ed economica della sua America e del mondo.  King sa che il problema dei neri è solo una lente di ingrandimento che permette di vedere i mali della sua società e del mondo.  Specialmente negli ultimi anni, guarda caso gli anni in cui anche molti bianchi liberals si allontanano da King, gli anni delle sommosse nelle zone industriali del Nord; negli ultimi anni King lega il problema del razzismo alla lotta contro la povertà e alla opposizione al militarismo.  Razzismo, povertà e militarismo.  King riflette sulla struttura del potere economico del capitalismo e si rende conto che fatto in quel mondo non può che produrre i tre mali del razzismo, della povertà e del militarismo. 

Dice King: “… un edificio che produce mendicanti ha bisogno di essere ristrutturato… quando vi dico di mettere in questione l’intera società, questo significa giungere a capire che il problema del razzismo, il problema dello sfruttamento economico e il problema della guerra solo legati assieme…”.

Ancora King: “Mi sembra assolutamente ovvio che lo sviluppo degli strumenti umanitari per affrontare alcuni problemi sociali del mondo ci proteggerà dalla minaccia della violenza molto meglio dei provvedimenti militari che abbiamo adottato… quando svanisce la saggezza politica, cresce il militarismo irrazionale”. Ho ovviamente scelto questi passi per condividere con voi la grande attualità di MLK.

Strategia non violenta, quindi, analisi complessa della società americana e al terzo punto ho deciso di mettere le riflessioni che MLK fa sul pacifismo.  Anche queste mi sembrano molto attuali.  King non difende un pacifismo dottrinario.  Dice: “Non vedo nella posizione pacifista una posizione senza peccato, ma come il minor male possibile nelle circostanze date”.  In King  c’è la consapevolezza di aver fatto un’opzione per la pace non di tipo ideologico.  Non ha la pretesa di un perfezionismo etico, sa che le sue scelte sono un male minore, non il bene.  Il suo è un pacifismo intelligente, potremmo persino dire utilitarista.  Dice King: “Noi stavamo prendendo i nostri giovani neri rovinati dalla nostra società per mandarli ad ottomila miglia di distanza a garantire delle libertà nel Sud Est asiatico che essi non avevano mai trovato nel Sud Ovest della Georgia o ad Est Harem.  Così ci siamo ripetutamente confrontati con la crudele ironia di vedere alla TV ragazzi bianchi e neri che uccidono e muoiono insieme per una nazione che non è capace di metterli a sedere insieme nelle stesse scuole”.

Ho lasciato per ultimo un punto che a me sta molto a cuore.  Il fondamento della lotta per la pace di MLK è la sua fede in Dio e nel suo Figlio incarnato Gesù Cristo.  Dice King: “Cristo mi dava lo spirito e la motivazione… e aggiungeva: coloro che protestano non devono odiare i loro avversari, ma, mentre con le loro rivendicazioni cercano giustizia, devono lasciarsi guidare dall’amore cristiano.  E la giustizia in realtà è l’amore in azione”. 

(fonte: sito battista fiorentino)

Salmo sufi

 

Cerco il Tuo nome

(Yunus Emre)

 

Così ,

tra le rocce,

sui monti,

cerco il Tuo nome.

Cerco il Tuo nome

come lo cercano gli uccelli

volando nei cieli,

i pesci nuotando nei mari,

le antilopi correndo nelle pianure.

Come l’uomo che ama e desidera,

cerco il Tuo nome: DIO…

 

Amo il Tuo nome.

Canto le Tue lodi,

Ti ringrazio,

enumero e pronuncio i Tuoi attributi.

Amo il Tuo nome

 

Ho conosciuto il mondo e le cose.

Ho imparato. Eppure,

non conosco più il mondo né le cose

La mia testa è nuda, scalzi i miei piedi.

Rinuncio a tutto

ma continuo a cercare il Tuo nome…

 

Con la voce di tutti quelli che

Ti amano e Ti chiamano:

Amo il Tuo nome.

 

 Nostro Dio noi ti ringraziamo anche per coloro che non credono, che fanno spesso ciò che tu chiedi loro meglio di coloro che confessano il tuo nome. Insegnaci così a entrare liberamente, volontariamente, per Grazia, nei limiti della Fede e della chiesa. O Dio tu ricavi la tua lode dai credenti e dai non credenti. Mantienici in questa compagnia di lode.

(André Dumas)

 

Ti ringraziamo come membri di questa foglio informativo per quanto è avvenuto recentemente in Turchia in cui il Consiglio per l’educazione superiore di Ankara prevede, per gli studenti e il personale universitario ebrei o appartenenti alla Chiesa cristiana armena, la possibilità di presentare una domanda che permetta di rispettare le festività sacre del proprio credo.

Ti ringraziamo per il frutto del lavoro presentato da protestanti e cattolici alla Biblioteca nazionale di Madrid della “Nueva Biblia Interconfesional”: trattasi di un lavoro durato ben trentacinque anni, da parte di venti traduttori e di quaranta revisori, nonché al controllo di numerosi professori di greco ed ebraico e di specialisti delle varie confessioni.

 

 

2009 anno della riconciliazione
Proclamato dalle Nazioni Unite per favorire i processi di pace e il superamento dei conflitti

 pace1

01 gennaio 2009 – (ve/agenzie) Il 2009 è stato dichiarato dalle Nazioni Unite “Anno internazionale della Riconciliazione”, attraverso una risoluzione adottata dall’Assemblea generale il 20 novembre 2006. Nella Risoluzione si rileva l’urgenza dei processi di riconciliazione nei Paesi colpiti da situazioni di conflitto nel passato o nell’attualità e si sottolinea l’importanza del dialogo tra i contendenti, nel segno del rispetto e della tolleranza reciproca, nella ricerca della verità e della giustizia quali elementi indispensabili per un’autentica riconciliazione e una pace permanente. Il testo osserva inoltre che molte delle attività svolte dalle Nazioni Unite negli ambiti della difesa e della costruzione della pace, della prevenzione dei conflitti o del disarmo, costituiscono la premessa per l’avvio e lo sviluppo di processi di riconciliazione, in grado di favorire la collaborazione e di risolvere questioni umanitarie, economiche, sociali e culturali.
Proclamando un anno internazionale di riconciliazione al termine della prima decade del nuovo millennio, le Nazioni Unite intendono incoraggiare la comunità internazionale a proseguire l’impegno a favore della riconciliazione nella prospettiva di una pace stabile e duratura.

Il sito delle Nazioni Unite
http://www.un.org/french/events/observances/years.shtml

Commenti disabilitati su Cambia te stesso per cambiare il mondo

Archiviato in Pace

L’ Europa che verrà: un appuntamento anche per te

La crisi profonda dei sistemi liberisti e le risposte dell’Europa del futuro

(…) Un botanico statunitense Jack Harlan nel 1948 stava raccogliendo piante in Turchia. Trovò una varietà di grano che non sembrava valesse la pena di essere raccolta: “Era il grano più brutto che avessi mai visto. Rendeva poco e spesso marciva prima di essere raccolto”. Questo botanico morì nel 1982 ma i semi raccolti allora e depositati nella più importante banca dei semi dell’agricoltura mondiale nell’arcipelago delle Svalbard, nelle coste settentrionali della Norvegia, ha consentito recentemente di sconfiggere la ruggine del grano, una malattia che ha messo in ginocchio l’agricoltura statunitense del nord-ovest. Quel grano tanto brutto è servito alle generazioni di oggi per fronteggiare una crisi alimentare, attraverso la creazione di varietà di grano che avevano la stessa caratteristica di quei semi ignorati allora…

(Dalla relazione al Congresso sufi 2008 di Milano)

Maurizio Benazzi

Per la Riforma “Solus Spiritus Sanctus”

 
——————————————————————————–

 

 

Congresso “Le Grandi Religioni per la Pace”

organizzato in Milano

dalla Confraternita dei Sufi Jerrahi-Halveti in Italia

e dall’Associazione Culturale “Le Ultime Carovane”

Films sufi; conferenze; concerti; rappresentazioni; premiazione del

Concorso nazionale di Poesia mistica e religiosa; Mostra d’Arte; presentazione Edizioni della Confraternita (rivista “Sufismo”, ecc.)

 

TERZA GIORNATA: mercoledì 15 ottobre, ore 21
Nell’Auditorium Don Alberione dei Periodici San Paolo
(“Famiglia Cristiana”, “Jesus”, “Il GIornalino”)

Via Giotto 36

 

ingresso libero sino ad esaurimento dei posti

 

Alle ore 17, Conferenze:

Il Generalizio di “Famiglia Cristiana”                 Saluto ai partecipanti.

Maurizio Benazzi      I segni della speranza: Parole, progetti e musica.

Halil Cin                   (ministro turco. Titolo non arrivato))

Paolo Corallini           L’Aikidô, la via dell’Armonia dello Spirito.

Paolo De Benedetti    Shalòm: il saluto della Pace.

Stelio Venceslai        La Laicità per la Pace.

Anne Zell                  (pastora valdese. Titolo non arrivato)

 

Alle ore 21, Musica e preghiere cantate:

 

Complesso ebraico Ensemble Shalom diretto dal chazzan (cantore di Sinagoga) Angel

 Harkatz.

AwaHoshi Kavan (da Honolulu): Trascendenza vibratoria: musica di cristallo.

Davide Ursi e coro Ave Maria: Preghiere cattoliche e“un Negro Spiritual”,

Ospite d’onore: Doroty Fisher, la più importante

cantante afroamericana di Negro Spirituals.

Concerto del Maestro Fakhraddin Gafarov,

già direttore del Conservatorio di Stato di Baku

Commenti disabilitati su L’ Europa che verrà: un appuntamento anche per te

Archiviato in Dialogo inter religioso

Un’occasione di crescita per Milano

Milano: dal 13 al 23 ottobre 2008

La Confraternita dei sufi Jerrahi-Halveti in Italia
e l’Associzione culturale “Le Ultime carovane”

organizzano a Milano un Simposio internazionale
di Cultura e Spiritualità:

Le Grandi Religioni per la Pace
(Films, concerti, conferenze, mostra e tavole rotonde).

(Tutte le manifestazioni sono
con ingresso gratuito)

Sufismo e Cinema
Rassegna del film sufi diretto da Mohammed Challouf

 

L’Associazione Culturale “Le Ultime Carovane”
sotto l’alto patronato della Provincia di Milano
presenta:

Lunedì 13 ottobre 2008
Spazio Oberdan, viale Vittorio Veneto, 2 – Milano
Ore 21.00
Wejd – Le mille e una voce
di Mahmoud Ben Mahmoud
Segue incontro con il regista

Martedì 14 ottobre 2008
Spazio Oberdan, viale Vittorio Veneto, 2 – Milano
Ore 21.00
Takva – L’uomo che temeva Dio
di Özer Kiziltan
Segue incontro con lo sceneggiatore Önder Çakar

Martedì 21 Ottobre 2008
Spazio Oberdan, viale Vittorio Veneto, 2 – Milano
Ore 21.00
Il sufismo: la via verso la pace
di Omar Agustoni
Niente è come sembra
di Franco Battiato
Segue incontro con Omar Agustoni
e con il maestro Gabriele Mandel Khân

Giovedì 23 ottobre 2008
Cinema Gregorianum, via Settala, 27 – Milano
Ore 21.00
Bab’ Aziz
di Nacer Khémir
Segue incontro con il regista
La Confraternita dei Sufi Jerrahi in Italia presenta:

Bellezza è Pace (Concerti e spettacoli)
Auditorium Don Alberione delle Edizioni san Paolo
(“Famiglia Cristiana”, “Jesus”) via Giotto 36,

nei giorni 15, 16 e 17 ottobre
 
a) alle ore 21: Concerti, mostre e recite teatrali

tra cui: Un insieme ebraico;
Concerto del Maestro Fakhraddin Gafarov,
già direttore del Conservatorio di Stato di Baku;
“Sette racconti sufi” di Paola Mandel,
già recitati a Kabul (Afghànistàn);
Awahoshi Kavan suonerà le campane di cristallo.
Canti gregoriani e canti cattolici;
Dhikr dei Sufi Jerrahi,
(per la prima volta in pubblico in Italia).
Davide Ursi e coro Ave Maria: “Negro Spiritual”,
Ospite d’onore: Doroty Fisher, la più importante
cantante afroamericana di Negro Spirituals.
Proiezioni:
Sua Santità Shinso Ito in visita in Italia.
Intervista a Raymond Panikkar

b) alle ore 17: Tavole rotonde e conferenze. Interverranno (per ordine alfabetico):
BENAZZI Maurizio, teologo zwingliano, specializzato in Omiletica, presidente fondatore di “Ecumenici”.
  I segni della speranza: Parole, progetti e musica – Auditorium Don Alberione delle Edizioni San Paolo (“Famiglia Cristiana”, “Jesus”, “Il Giornalino”). Via Giotto 36, Milano.

BOTTONI don Gianfranco, responsabile diocesano per l’Ecumenismo e il Dialogo intrreligioso.
BRUSA-ZAPPELLINI Gabriella, fondatrice e direttrice dell’Istituto di Paletnologia e dei Congressi di
Paleoentipologia.
CIN, Sua Eccellenza Halil, rettore di Università, Membro direttivo del Parlamento turco.
CORALLINI Shihan N. Paolo, presidente TAAI (Takemusu Aikidô Ass. It.).
DE BENEDETTI Paolo, teologo e docente di teologia ebraica.
DOUSSE Michel, professore di Storia delle Religioni alla Sorbona di Parigi, membro dell’Istituto di Ricerche per lo
Studio delle Religioni. La pazienza e la Pace nel Corano.
EGLOGHIOS Sua Beatitudine Kirios metropolita di Milano e Aquleia.
HOSOE Isao, direttore Istituto Universitario Fac. Architettura di Milano, in rappresentanza della Confraternita
Shri Chin Moy (Giappone).
KARMELI Eliahu Khodabash, rabbino capo della Comunità israelitica iraniana.
MARHABA Sadi, direttore di Istituto alla Facoltà di Psicologia dell’Università di Padova.
MATVEJEVIC’ Predrag, scrittore, professore Università La Sapienza (Roma); commendatore al merito della
Repubblica italiana.
OVADIA Moni, attore-autore del Teatro Ebraico, Maestro d’Arte.
PALGIN Tulku Rimpoce, venerabile Lama tibetano, presidente Centro Màndala (Milano).
QUIRINO rev. padre Salomone, francescano, Presidente della “Fondazione Studi Celestiniani per la Pace”
SARUBBI Giovanni, giornalista, direttore de “Il Dialogo”.
TARZIA don Antonio, direttore di “Jesus”.
VENCESLAI Stelio W., Gran Priore  S. M. T. H.
YALÇINTAŞ Mehmet , Docente di Pedagogia Islamica e Sociologia all’Universita’ del Bosforo ad  Istanbul;
 responsabile della Sezione Giovanile dell’Unione dei Musulmani d’Europa (Berlino)
Moderatore: prof dott Mohsen Mouelhi, Gran Muftì della Confraternita; Ambasciatore di Religions for Peace.
c) Nel Ridotto dell’Auditorium Don Alberione:
Mostra multireligiosa e plurietnica
Pittori, incisori e scultori da varie parti del mondo

 

 
Espongono:
 
BATTIATO Franco – Italia
BEN RIMINIS J. – Israele
BŰYŰKÇANGA  Mehmet –
                                   Turchia
COFFANI Cristiana – Italia
CRIDA Piero – Italia
DAMIRI cAzim – Iran
DARVISH Parvis – Iran
DURRA Mohanna – Giordania
EFFAT  Abd El CAzim– Egitto
GAIDIM Eugeniu – Moldavia
KEICH Gideon – Israele
MANDEL Khân Gabriele –
                            Afghànistàn
MANDEL Max – Italia
MASTER BEE – Apolide
METOUI Lassad – Tunisia
MINOZZI Shamira – Italia
MONTI Enrico – Italia
NASTASIO Alessandro – Italia
NQAVANQ Lodve – Tibet
OSUCHOWSKA Maria –
                                 Polonia
PROCOPIO Antonietta – Italia
RAGGI Andrea – Italia
SACCHI Andrea – Italia
SALEH Musa Abdallah – Cina
SALMOIRAGHI Giorgio – Italia
SARDARI Kasim – Apolide
VINCI Pier Giorgio – Italia
 

*
 

d)  Concorso Biennale di Poesia mistica e religiosa
Nell’Auditorium Don Alberione, il giorno 16 alle ore 21
avranno luogo le Premiazioni
e la lettura di testi declamata dall’attore Andrea Riva de’ Onestis.

Seguirà la presentazione del volume
Musica e Spiritualità
Con testi e illustrazioni di Franco Battiato,
Moni Ovadia, Angelo Branduardi,
e introduzione di Daniela Benelli.
Collana “Quaderni Nangeroni”
*

Pubblicazioni e cataloghi a cura di:
“Sufismo”, periodico trimestrale;
Quaderni Fondazione Nangeroni.
Verrà dato ampio resoconto delle manifestazioni
nel numero di ottobre di “Sufismo”
rivista trimestrale di cultura e spiritualità.

*
Sotto l’alto patronato di:
Fondazione ARBOR, Lugano; CADR, Milano;
Mevleviyya della Città di Konya (Turchia).
        
Posta e comunicazioni: Confraternita dei Sufi Jerrahi – Viale Piceno 18 – 20129 Milano.
Ufficio stampa: Dottor Aldo Strisciullo – Telefono 3475280713 – aldo.str@libero.it
Informazioni generiche: Telefono       02 719439       – gabriele.mandel@fastwebnet.it.

Commenti disabilitati su Un’occasione di crescita per Milano

Archiviato in Dialogo inter religioso